The Universim, il ritorno dei god game?

The Universim è un titolo dalle grandi ambizioni, che ha tutte le carte in tavola per riportare in auge quel particolare tipo di strategici e gestionali in cui si impersona una divinità.

Nel 2014 il gioco è riuscito a racimolare la cifra non indifferente di quasi 390.000 dollari tramite il solo Kickstarter, grazie al supporto di circa 11.000 persone. Per quanto il download dell'alpha sia disponibile solo dal sito e lo sviluppo prosegua non particolarmente spedito, più di altri 30.000 finanziatori sono stati convinti dal progetto.

Al momento, il gioco non è ancora disponibile tramite l'Accesso Anticipato di Steam, ma abbiamo comunque potuto provarlo e, per quanto ancora lontano dal prodotto finale, ci siamo fatti un'idea sulle potenzialità del tiolo.

20180121125210 1

Il motore di gioco genera casualmente un pianeta, una palla di discrete dimensioni che presenta diversi biomi, dal mare alla foresta, dalla montagna al deserto, su cui dare inizio a una nuova civiltà.

In questa prima e per ora unica fase ambientata nell'età della pietra le peculiarità con i city builder non mancano. Non possiamo controllare direttamente i Nugget, ovvero gli abitanti del pianeta, ma solo imporre l'area dove sorgeranno le nuove strutture.

Il classico sistema "a scatole cinesi" permette di sbloccare nuovi edifici una volta raggiunti i requisiti e migliorare così la vità dei nostri devoti. Il problema è che non ci siamo mai sentiti un dio, quanto un primo cittadino della preistoria.

20180121125259 1

Ciò ha reso la nostra prova molto lenta nelle fasi iniziali e dispersiva quando ormai avevamo a disposizione ogni costruzione dell'alpha. Dobbiamo infatti assegnare attivamente i Nugget alle strutture affinché queste diventino operative, si pensi ad esempio alla fattoria che produce cibo, e se le risorse non sono inizialmente un problema, lo diventano invece gli abitanti.

Se non ne nascono abbastanza in breve tempo avremo una carenza di lavotori piuttosto snervante e problematica nelle fasi più avanzate. Ad esempio, i Nugget costruttori si occupano anche della manutenzione degli edifici, ma quando quest'ultimi diventano troppi cominceranno a deteriorarsi e crollare senza che i nostri poteri divini possano fare qualcosa.

Spesso ci troviamo quindi con le mani legate nonostante le cose stessero andando bene fino a un momento prima. Certo, si tratta ancora di un'alpha che necessita di miglioramenti e bilanciamenti, inoltre saper gestire i Nugget con attenzione offre almeno un po' di difficoltà ma, in generale, quelle che dovrebbero essere la basi di The Universim paiono vuote.

20180121130244 1

Ci siamo trovati impotenti davanti all'invecchiamento e alla mancanza di nuovi nati, all'esaurimenmento di risorse come legno e pietra nelle vicinanze e la costruzione automatica di nuove case troppo lontane dal resto della "città", tra cui quelle fondamentali per la distribuzione del cibo. Ecco perché, a nostro avviso, la velocità di spostamento dei Nugget dovrebbe essere incrementata per evitare di perdere tempo prezioso.

Al momento, nonostante l'indubbio potenziale del titolo, non siamo sicuri che sarà sfruttato a dovere. Lo sviluppo è ormai ben oltre i tempi previsti, con la pubblicazione finale, secondo Kickstarter, inizialmente decisa per l'ormai lontano 2016.

20180121142826 1

Tuttavia il motore di gioco si comporta davvero bene. Non abbiamo riscontrato problemi e il framerate è stabile anche alle massime impostazioni grafiche. La resa del pianeta è nel complesso apprezzabile, grazie a modelli tridimensionali semplici ma definiti e l'algoritmo che ne genera la forma offre uno scenario abbastanza vario. Sono inoltre già presenti elementi importanti per il gameplay come le stagioni e il meteo, che influenzano le coltivazioni e la temperatura, portando anche al congelamento dell'acqua.

L'arrivo in Early Access su Steam dovrebbe sancire l'accesso al medioevo per i nostri Nugget, che, stando alle informazioni disponibili, dovrebbe rivoluzionare The Universim - e sarebbe anche ora.

20180121143851 1

Edifici modulari, blocchi residenziali, vento e incendi sono alcuni degli elementi promessi per il 2018 e che speriamo riescano a risollevare le sorti di questo titolo interessante e che merita di essere tenuto d'occhio.

In attesa di maggiore carne al fuoco, l'acquisto di The Universim al momento equivale al comprare una demo. Gli aggiornamenti ci sono e con cadenza abbastanza regolare, ma forse è meglio attendere ancora un po' e capire se Crytivo, autore del gioco, riuscirà a mantenere tutte le grandi promesse.

Pubblicità

AREE TEMATICHE