Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
News su Guide ai regali di Natale
2 minuti

Trojan di Stato, riappare la pericolosa proposta di legge

La deputata PD Maria Gaetana Greco, secondo l'Espresso, avrebbe rilanciato con la proposta di legge sulle intercettazioni basate su Trojan.

Trojan di Stato, riappare la pericolosa proposta di legge

La proposta di legge sul Trojan di Stato (C.3470) è nuovamente riapparsa in Parlamento a firma della deputata Pd Maria Gaetana Greco. A darne notizia oggi è L'Espresso, sottolineando che potrebbe trattarsi di un'iniziativa isolata oppure una mossa sinergica alla probabile nomina di Carrai quale capo del Nucleo per la Sicurezza Cibernetica. Anche se Renzi si era espresso negativamente sull'iniziativa furono due emendamenti di Stefano Quintarelli a chiudere la questione - uno di abrogazione e uno sull'impiego a solo scopo anti-terroristico.

trojan

Il settimanale ricorda che il testo assomiglia molto quello dell'anno scorso, poi saltato a causa delle proteste dei più esperti del settore, come ad esempio il deputato di Scelta civica, Stefano Quintarelli. Si parla come allora di "modifica all'articolo 266-bis del Codice di procedura penale in materia di intercettazioni e di comunicazioni informatiche o telematiche". Una proposta pericolosa che fece saltare dalla sedia persino il Garante della privacy, Antonello Soro. Evidenti infatti i rischi per i diritti costituzionali.

"Nel perimetro della nostra Costituzione possiamo delegare un potere così grande e delicato a una simile tecnologia?", dichiarò Soro ai tempi. In effetti un Trojan può essere installato su qualsiasi tipo di dispositivo e consentire la registrazione di ogni dato, dalle conversazioni al mailing.

Oggi gli inquirenti hanno a disposizione strumenti di ogni genere per attività di indagine ma sono soggetti a procedure rigorose, limitate nel tempo e prorogabili solo da un magistrato.

"Quando qualcuno arriva a prendere il controllo di un computer, può fare molto di più che copiare dati: può anche aggiungerli o cancellarli. Questo significa che può piantare false prove nel computer dell'obiettivo e questo pone problemi per le forze dell'ordine che operano con integrità, mentre fornisce soluzioni alle forze dell'ordine che operano in maniera illegale", aveva confidato a L'Espresso l'esperto di sicurezza Bruce Schneier.

Secondo l'avvocato Giovanni Battista Gallus, presidente del Circolo dei giuristi telematici, la norma "consentirebbe di utilizzare il trojan per un'ingiuria o una diffamazione online, che è una follia".

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #E-Gov?
Iscriviti alla newsletter!