Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:

Test - Abbiamo provato e testato Ubuntu 11.10 Oneiric Ocelot e l'abbiamo messo a confronto con Windows 7.

Ubuntu 11.10 Oneiric Ocelot contro Windows 7, parlano i benchmark

Analisi dei benchmark: Windows contro Linux

La tabella seguente raggruppa i benchmark in due categorie, mostra il vincitore di ogni prova ed evidenzia se si tratta di una vittoria netta o marginale.

Benchmark
Vincitore
Significativo
Tempi di avvio e di stop
Avvio Ubuntu 11.10 
No
Chiusura Windows 7
No
Ibernazione Ubuntu 11.10
No
Ripresa Windows 7
No
Tempi di copia dei file
Da HDD a HDD Ubuntu 11.10
Da HDD a USB
Windows 7
Da USB a HDD
Ubuntu 11.10
No
Archiviazione
Zip
Windows 7
Un-Zip Windows 7 No
Tar.gz Ubuntu 11.10
Un-Tar.gz Ubuntu 11.10
No
Multimedia
Transcodifica Video (HandBrake)
Ubuntu 11.10
Codifica Audio (LAME)
Windows 7
Elaborazione immagini (RawTherapee)
Ubuntu 11.10
Sistema
CPU e Memoria (Geekbench)
Ubuntu 11.10
CPU: Single-Thread (POV-Ray)
Windows 7
CPU: Multi-thread (Blender) Ubuntu 11.10
No
Giochi
AMD
Ubuntu 11.10
Nvidia
Windows 7

Risultati

Per categoria, Ubuntu ottiene tre vittorie (Copia, Multimedia e Sistema), e Windows una. Considerando i singoli test invece Ubuntu ottiene 11 vittorie su 19 prove, e Windows otto; le vittorie con un margine significativo sono sei per Ubuntu e cinque per Windows. Possiamo dire quindi che Ubuntu batte Windows.

Analisi

La vittoria nella copia sull'hard disk di sistema è importante per Ubuntu, perché si tratta di un'operazione molto comune per tutti noi. La vittoria in GeekBench è stata poi una sorpresa, così come quella nel gioco con scheda AMD, anche perché era Nvidia che storicamente offriva i driver più aggiornati.

Pagina precedente

Conclusioni

Canonical forse non ha inserito in questa versione di Ubuntu un gran numero di novità, forse anche perché si tratta di una x.10, che per di più precede quella che sarà la prima LTS "solo Unity".

Oneiric ha comunque alcune valide novità e supplisce a diverse mancanze di Natty Narwhal. In futuro poi il Launcher sarà configurabile, e il menù globale potrebbe essere inserito nell'HUD (Head Up Display). Sfortunatamente pare che le lenti non saranno configurabili più facilmente.

uTouch non ci ha fatto una grande impressione, ma è comunque una discreta soluzione per l'uso con i gesti. I difetti che abbiamo rilevato, inoltre, sono per fortuna facili da risolvere.

I miglioramenti più sostanziali di questa release riguardano i servizi di supporto; come l'Ubuntu Software Center, che è sempre più un negozio di applicazioni, o Ubuntu One. Ed entrambi possono contribuire a fare di Ubuntu un prodotto più redditizio per Canonical.

Non ci aspettavamo che Ubuntu uscisse vincitore dalle prove contro Windows 7, soprattutto nei giochi 3D, ma siamo felici di notare il potenziale. Sfortunatamente si tratta solo, appunto, di potenzialità – perché sono ancora molte le applicazioni, compresi i giochi, che semplicemente in Linux non funzionano.

Messa in un altro modo, con Ubuntu non si può giocare a Crysis né o Battlefield 3, né si può eseguire Photoshop, e così via. Il problema di Linux è sempre che sono poche le persone che lo usano, perché tutti usano Windows. Così si crea un circolo vizioso dal quale sembra impossibile uscire: gli sviluppatori cercano il più grande bacino di utenza, e gli utenti trovano in Windows tutte le applicazioni che vogliono.

Ubuntu 11.10 è un valido aggiornamento rispetto a Ubuntu 11.04, anche se la nuova interfaccia non è ancora matura e la nostalgia di GNOME 2 non è ancora passata. In ogni caso Unity è meglio in Oneiric che in Natty, per quanto i tablet siano ancora un sogno lontano.

Tecnicamente Ubuntu 11.10 è meglio di Windows 7 in molte aree sul piano delle prestazioni, ma Microsoft è ancora inarrivabile quando si tratta di applicazioni - quindi non possiamo ancora consigliare di rinunciare a Windows.

Ubuntu è comunque un'ottima scelta per chiunque non sia legato a specifiche applicazioni Windows; è virtualmente immune da virus e malware, offre spazio online gratuitamente, aggiornamenti automatici, backup online e integrazione dei social network. Ci sono anche diversi giochi disponibili, poco più che passatempi ma sufficienti per molti, e oltre all'Ubuntu Software Center questa piattaforma ha anche un negozio di musica, con lo streaming per smartphone tramite Ubuntu One.

Insomma, per molti lasciare Windows è ancora prematuro, ma per chi vuole provare ci sono tante valide ragioni.

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Software?
Iscriviti alla newsletter!