Hot topics:
2 minuti

Ufficiotemporaneo.it, praticamente l'AirBnb degli uffici privati

Ufficiotemporaneo.it è un servizio online per cercare o condividere spazi di lavoro. Chi ha un grande ufficio può mettere a disposizione postazioni.

Ufficiotemporaneo.it, praticamente l'AirBnb degli uffici privati

Ufficiotemporaneo.it è una sorta di AirBnb degli uffici privati. In pratica consente di condividere una porzione del proprio ufficio con altre persone. Allo stesso tempo chi ha bisogno di una postazione di lavoro ma non vuole accollarsi la spesa di un intero ufficio può trovare un compromesso economico più allettante.

"Ufficiotemporaneo.it nasce e si muove in questo contesto, dando vita a una piattaforma per lo sharing di uffici, postazioni lavoro e stanze che consente ai coworking, business center e professionisti di collocare più facilmente i propri spazi di lavoro inutilizzati o liberi", spiegano gli ideatori.

Ufficiotemporaneo
Ufficiotemporaneo

Alle spalle del progetto c'è una startup innovativa del modenese, Ottomedia Srl. I due soci fondatori, Stefano Garuti e Gianluca Mastroianni hanno atteso 2 anni per avviare il progetto ufficiotemporaneo.it portando nel frattempo a maturazione ufficiarredati.it che festeggia quest'anno il decimo anno di attività e che affilia ad oggi il 40% di tutti i business center italiani, con 75 sedi in 16 regioni.

 "Gestendo il network di Business Center di Ufficiarredati.it, ci siamo resi conto che molti professionisti e piccoli proprietari immobiliari hanno a disposizione degli spazi o delle stanze inutilizzate e vorrebbero, per diversi motivi, affittarli e condividerli con altri professionisti", spiega Gianluca Mastroianni.

"Questo può accadere sia per motivi economici che per esigenze professionali: pensiamo, ad esempio, a uno studio legale che possiede un ufficio libero al suo interno e, per offrire un servizio aggiuntivo ai suoi clienti, decide di coinvolgere un consulente del lavoro, lavorando fianco a fianco e unendo le competenze. Si creano, quindi, dei vantaggi non solo dal punto di vista economico, ma anche da quello professionale".

L'obiettivo è di soddisfare le esigenze dei grandi e piccoli centri. La piattaforma sta muovendo i primi passi quindi le offerte per ora non sono tantissime. Per quanto riguarda i costi, la piattaforma si limita a mettere in contatto le parti e non richiede percentuali sugli accordi economici. Chi mette a disposizione i propri spazi paga un abbonamento annuale al servizio: per un preventivo bisogna compilare la richiesta online.

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #E-Gov?
Iscriviti alla newsletter!