Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
2 minuti

Un MacBook Touch? Inevitabile entro un paio d'anni

Il MacBook touch con tastiera sganciabile si farà, almeno secondo Ryan Reith della IDC: le vendite di iPad sono in crollo e l'iPad Pro con tastiera accessoria non può essere la soluzione a lungo termine.

Un MacBook Touch? Inevitabile entro un paio d'anni

Un Apple MacBook con schermo touch e tastiera sganciabile? È solo questione di tempo, almeno secondo Ryan Reith direttore di IDC, società di analisi di mercato, per quanto riguarda il settore mobile. Non che al momento ci siano segnali in questo senso da Apple stessa o anche dalla catena dei fornitori, tuttavia Reith ne è convinto, perché questo secondo lui emerge dall'analisi delle dinamiche di mercato attuali e in prospettiva.

Come sappiamo infatti il mercato dei tablet in generale è in crisi e le vendite stanno crollando. L'iPad non fa eccezione e nell'ultimo trimestre l'azienda di Cupertino ne ha venduti solo 16.1 milioni, un risultato ben lontano dai 21.4 milioni venduti lo scorso anno nello stesso periodo e in ogni caso inferiore di circa due milioni di unità anche rispetto alle già negative previsioni degli analisti di mercato.

ipad pro smart keyboard

Per Reith questo è un segnale preciso: ormai l'iPad come categoria di prodotto non potrà più crescere e l'introduzione dell'iPad Pro non può essere la soluzione a lungo termine. Del resto sin dal suo lancio sono stati in molti a interrogarsi sulla reale utilità di un dispositivo del genere, fortemente limitato nelle sue capacità produttive dall'avere un sistema operativo mobile, che abbia o meno una tastiera.

Per questo alla fine, secondo l'analisi di Reith, anche Apple dovrà capitolare e creare un MacBook compatto, probabilmente da 12 pollici, sottilissimo e con display touch e tastiera sganciabile, in pratica il prodotto di cui fino a ieri Tim Cook e un po' tutti alla Apple hanno sempre definito inutile, essendo notoriamente avversi ai "crossover" tra prodotti di natura differente.

icona big

Al di là delle parole di facciata però per Reith ciò che ha valore sono le strategie di mercato e dal suo punto di vista Apple non sta facendo altro che temporeggiare per comprendere quali sono le reali necessità del mercato, come ha spesso fatto, per poi muoversi di conseguenza. Ovviamente è difficile dire esattamente quando questo accadrà, ma secondo Reith magari entro un paio d'anni.

Non sappiamo se l'analisi di Reith si rivelerà esatta, ma a voi piacerebbe un MacBook da 12 pollici con schermo touch e tastiera sganciabile?  

Vuoi ricevere aggiornamenti su #iPad?
Iscriviti alla newsletter!