Tom's Hardware Italia
Giochi PC

Apex Legends: Respawn non era pronta ai ritmi produttivi di un battle royale

Apex Legends è in un momento di stallo e gli sviluppatori ammettono di non essere pronti a lavorare su un game as a service, ma promettono di migliorare.

Apex Legends, dopo un successo incredibile durante le prime settimane, ha visto un regolare calo nelle visualizzazioni su Twitch, che l’hanno portato addirittura a un -75% nel giro di un mese. I giocatori, al pari di streamer e pro-player, hanno messo da parte il battle royale a causa della scarsità di contenuti. Inoltre, il team di sviluppo si è fatto improvvisamente silenzioso.

Ora, il CEO Vince Zampella ha affermato, durante il GamesBeat Summit 2019, che la popolarità improvvisa di Apex Legends ha fortemente sorpreso il team di sviluppo: il successo del gioco è stato superiore alle aspettative e ha tranquillizzato lo studio più di quanto avrebbe dovuto.

Apex Legends è un battle royale free to play e, in quanto tale, pretende una serie di aggiornamenti costanti per rimanere interessante agli occhi del pubblico. Respawn Entertainment, in passato, ha lavorato sulla serie di Titanfall, che si focalizzava su cose come i deathmatch e la campagna single-player. Lo studio non ha quindi esperienza sulla creazione di contenuti per un game as a service e non sa cosa e quanto debba essere fatto. Zampella ha ammesso che ci è voluto un po’ per capirlo e spiega che non si può semplicemente dire “Non sappiamo che fare, per ora.

Ovviamente la mancanza di comunicazione porta la community alla frustrazione, visto che non ha idea di cosa arriverà e quando arriverà. Ora, Zampella afferma che Respawn vuole migliorare sotto questo punto di vista. Ha anche aggiunto che Star Wars Jedi: Fallen Order non interferirà con i lavori su Apex Legends, in quanto i team sono separati.

Ora, quindi, il gruppo che si dedica al battle royale sta cercando di capire come sia meglio procedere. Alcuni, addirittura, stanno cercando di capire se tre giocatori sia il numero corretto per la squadra. Inoltre, devono decidere quale tipo di contenuto deve ricevere la priorità, oltre al bilanciamento di quanto già disponibile e alla correzione dei bug. Supponiamo quindi che ci vorrà del tempo per vedere dei seri cambiamenti del gioco: voi cosa ne pensate?

Se preferite Fortnite, potete acquistare questo pacchetto speciale!