Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Giochi PC

Call of Duty Black Ops 4, impressioni dalla beta multiplayer

Call of Duty: Black Ops 4 è in arrivo il 12 ottobre su PS4, PC e Xbox One, nel frattempo Activision ha avviato una fase di beta per testare l'andamento della rinnovata modalità multigiocatore, ormai sempre più centrale tanto da soppiantare la campagna. Abbiamo imbracciato il fucile e ci siamo gettati nel fuoco incrociato insieme agli altri Specialisti raccogliendo nel complesso impressioni positive per il lavoro svolto da Treyarch così come avevamo già avuto modo di notare durante l'E3.

Black Ops 4 non stravolge il multiplayer di Call of Duty che si conferma ancora una volta rapido e letale, con tanto di scivolate per girare gli angoli, drop shot e jump shot per ottenere un vantaggio in assenza di jetpack, corse sui muri e accelerazioni che Black Ops III aveva portato avanti – Treyarch è comunque al lavoro per ridurre l'altezza dei salti e migliorare i movimenti per evitare il "bunny hopping".

call of duty black ops 4

Le nuove possibilità di personalizzazione delle classi unite a un sistema di recupero vita manuale e alla nebbia di guerra che nasconde porzioni di mappa risultano però interessanti per stimolare il gioco di squadra e in parte rispondono anche al tentativo di contrastare alcuni fastidiosi fenomeni come il camping e il lancio incontrollato di granate.

Specialisti e Crea una Classe

Black Ops 3 aveva introdotto gli Specialisti, soldati d'elite caratterizzati ognuno da un'arma speciale e un'abilità. Black Ops 4 fa altrettanto ma la sottile differenza sta nel fatto che "l'abilità" è ora legata a un equipaggiamento speciale che influisce nel sistema Scegline 10 di Crea una Classe. Finché l'equipaggiamento speciale caratteristico dello Specialista è equipaggiato, la sua adozione è gratuita, mentre sostituendo l'equipaggiamento di base con un Tomahawk o un Sistema Trophy, verrà consumato uno dei 10 punti a disposizione per creare una classe.

Ciò significa che chi vuole equipaggiare una granata o una Molotov dovrà sacrificare l'abilità del suo Specialista e un punto di creazione, prima però dovrà salire di livello per sbloccarle. Ciò da una parte limita il lancio selvaggio di granate che si verificava nei titoli precedenti e impedisce a personaggi come Battery di avere a disposizione una santa barbara di granate e ad Ajax un flusso continuo di stordenti, dall'altro spinge a scegliere uno specialista proprio per la sua abilità unica che ha un gran valore sul campo.

Black Ops 4

La sinergia tra Specialisti e proprio setup non finisce qui, infatti personaggi maggiormente di supporto come il medico Crash possono fornire delle munizioni dorate sia a sé stesso che ai compagni, e permettono di fare più punti con un'uccisione. L'abilità risulta dare una spinta in più se combinata con il dispositivo in grado di ridurre il numero di punti necessari per ottenere le ricompense come UAV, approvvigionamenti e altre più devastanti, per un potenziale vantaggio dato dalle serie di punti equipaggiate dai membri del proprio team.

Da qui all'uscita del gioco potrebbero cambiare molti aspetti, sicuramente la beta è servita – e servirà – per andare a correggere quelle combinazioni che potrebbero risultare troppo sbilanciate e quelle attrezzature come il giubbotto antiproiettile che danno fin troppa resistenza anche in virtù della vita portata a 150 HP e di un conseguente Time to Kill aumentato.

Call of Duty®  Black Ops 4 Private Beta

Nel complesso però le opzioni fornite da Crea una Classe provate nella beta sono molto ampie e permettono di costruire il proprio personaggio come una letale macchina da guerra che fa principalmente affidamento su sé stesso e la sua arma, o si specializza in un ruolo che dà il meglio di sé se combinato con le abilità degli altri. Gli Specialisti possono essere giocati in tutte le modalità di gioco senza davvero forzare una divisione netta in classi come support, difensori e DPS come negli sparatutto basati su eroi.

Il merito di questa flessibilità va anche alle Wildcard, che fanno il loro ritorno e permettono di amplificare ulteriormente l'unicità delle armi presenti in Black Ops 4, infatti quest'ultime hanno una serie di accessori da sbloccare che può differire da arma ad arma e possono essere presenti le mod operatore che conferiscono modifiche aggiuntive a patto che venga acquistata la Wildcard di riferimento. Il buon lavoro fatto sulle armi si va ad aggiungere al sistema predittivo del rinculo con i proiettili che non viaggeranno più in modo casuale. Conoscere e padroneggiare le armi ora diventa più importante che mai.

Modalità e mappe

La beta ci ha fornito un corposo assaggio di quelle che sono le mappe e le modalità di Black Ops IIII, a cui andranno ad aggiungersi nuovi contenuti con la seconda ondata di test in partenza il 10 agosto. Novità più interessante è Controllo, la modalità a metà tra Postazione/Dominio e Cerca e Distruggi, ma in generale le modalità ad obiettivi con gli Specialisti votati più al gioco tattico/strategico sono risultate più piacevoli da giocare rispetto ad Uccisione Confermata e Team Deathmatch della playlist Chaos che ora non vede più l'uso indiscriminato dello stesso Specialista ma limita la scelta a un massimo di due.

Controllo vede due squadre da 5 con rientri in campo limitati confrontarsi a tempo per la conquista o la difesa di due obiettivi, a turno si invertono i ruoli. Ogni obiettivo per essere conquistato deve essere trattenuto fino all'acquisizione di tre segmenti. Se la squadra che si trova in attacco mantiene la posizione fino alla conquista di un segmento, la squadra in difesa non può più "reclamarlo" e non può diminuire l'influenza nemica da quel segmento. Se la squadra attaccante invece non ha completato la conquista della porzione, la squadra in difesa può azzerare i progressi portati avanti fino a quel momento. Ogni volta che la squadra attaccante si trova in fase di conquista il tempo a disposizione si blocca.

Call of Duty®  Black Ops 4 Private Beta

La partita può finire con diversi esiti: entrambi gli obiettivi vengono conquistati – o difesi -, scade il tempo e vince la squadra in difesa, o una delle due squadre viene eliminata perché i rientri in campo sono limitati. Vince la squadra che ha dominato tre round. Grazie a questo mix tra controllo di una zona e deathmatch le partite si mantengono dinamiche e la strategia migliore va adattata turno per turno. Si può schiacciare l'avversario verso il punto di spawn tentando di ridurre il numero di vite o si possono difendere gli obiettivi puntando sulla sinergia degli operatori. Controllo si è rivelata una modalità impegnativa che ha dato vita anche a scontri molto serrati. Si candida in pieno a essere una modalità competitiva.

Ti potrebbe interessare: Tutti i Call of Duty in ordine di preferenza, prima di WWII.

Le mappe mantengono una struttura familiare solitamente a tre corsie principali con i combattimenti che si svolgono a distanza molto ravvicinata nelle vie strette e negli edifici al chiuso o sono concentrati nelle aree più grandi e distintive. Payload, ad esempio, è un impianto di lancio difensivo costruito nelle montagne. Gli scontri più intensi, data anche la posizione degli obiettivi, si concentrano maggiormente nell'area occupata dall'hangar.

Qui gli ingressi alla struttura sono molti, anche in posizione sopraelevata e senza un buon controllo degli accessi la conquista o la difesa diventano ostiche. Uno Specialista come Torque è l'ideale per piazzare del filo spinato sugli ingressi e creare una barricata, insieme a Recon che con il dardo sensore dissipa la nebbia di guerra e segnala i nemici diventa più facile avere una visione ampia dell'area. 

Seaside ha molte corsie laterali da cui poter organizzare un attacco non frontale, obiettivo centrale in questo caso è rappresentato da una chiesa. Rispetto all'hangar lo spazio è minore, concentrando e ravvicinando ulteriormente gli scontri. Oltre a un buon controllo, anche Firebreak come Specialista non se la cava male con il suo campo radioattivo che attraversa le pareti risultando una bella mina vagante per gli spazi molto chiusi e stretti che impedisce anche agli avversari di curarsi. Mappe come Frequency sono piene di corridoi stretti, ideali anche per Specialisti come Nomad che può piazzare mine mesh nelle curve e dare la caccia ai nemici con la sua unità K9.

Gridlock, una città giapponese, alterna spazi al chiuso ristretti con spazi più ampi e senza molta copertura dando a uno specialista come Ajax un ruolo chiave grazie al suo scudo balistico con cui può attirare il fuoco nemico e far avanzare la squadra ripulendo al tempo stesso il campo con la sua pistola mitragliatrice. Contraband è una delle mappe che ci è piaciuta di più, anche per la possibilità di ingaggiare sott'acqua, si tratta infatti di un'isoletta al largo delle coste della Colombia che offre sezioni in acqua, sulla spiaggia e nella vegetazione tra ripari improvvisati dai resti di muri e casse di rifornimenti.

Si possono ingaggiare degli scontri dalla distanza prendendo il controllo del ponte centrale o scegliendo il relitto di una nave come punto di appoggio per sfoltire la difesa nemica. Ruin, l'unico personaggio a potersi muovere anche senza piedi a terra, con il rampino può attraversare le porzioni acquatiche senza essere rallentato sfruttando gli appigli sopraelevati e schiantandosi contro gli ignari tiratori.

Se pensate che in una particolare modalità su una certa mappa non state dando il meglio, prima di iniziare la partita sono disponibili delle statistiche che mostrano il vostro andamento e dove è possibile migliorare. Potrebbe rappresentare uno stimolo in più a cambiare strategia o provare un altro Specialista.

Conclusioni

Call of Duty: Black Ops 4 introduce la ricarica manuale della salute e un time to kill più alto, due scelte che sulla carta potevano rallentare il tipico ritmo frenetico del gioco, invece nonostante tutto BO4 si mantiene dinamico e veloce. I riflessi continuano a essere molto importanti, ma decidere quando ritirarsi per un'iniezione di vita è altrettanto fondamentale in quanto permette di rimanere in campo più a lungo e sopravvivere agli scontri.

La nebbia di guerra che ricopre il campo può essere dissipata e la posizione dei nemici rilevata grazie a un gioco coordinato con i propri compagni, ma anche grazie alle abilità di Recon, sia attraverso le Specialità – perk come collegamento di squadra amplificano il proprio raggio di rischiaramento -, equipaggiamenti e serie di punti, rendono più difficile il posizionamento stazionario rispetto al passato. Non solo aiuti visivi ma anche il sonoro aiuta molto nel rilevamento dei passi nemici, da questo punto di vista è stato fatto un buon lavoro per evidenziare le differenze di camminare sulla neve rispetto al metallo delle passerelle ben percebili in cuffia

Call of Duty®  Black Ops 4 Private Beta

Diventa ancora più importante il ruolo di Crea una Classe che si fa più strategico che mai con il ritorno anche al sistema Scegline 10. L'equipaggiamento speciale dello Specialista, invece che essere un'abilità fissa, è trattato come un elemento da equipaggiare o togliere. Equipaggiarlo è gratuito, mentre sostituirlo richiederà l'uso di uno dei 10 punti a disposizione per creare una classe. Salendo di grado inizierete a chiedervi se forse non è meglio sacrificare una delle proprie caratteristiche uniche per equipaggiare un Sistema Trophy.

Le opzioni a disposizione lasciano molta libertà nella costruzione del proprio profilo, con l'aggiunta anche delle mod operatore e degli accessori unici a seconda dell'arma la scelta permette di creare un soldato che dà il meglio dal gioco combinato con gli altri, o una vera macchina da guerra invisibile grazie alle wildcard e all'equipaggiamento di più Specialità. 


Tom's Consiglia

Call of Duty: Black Ops 4 arriva il 12 ottobre su PC, PS4 e Xbox One. Prenotalo ora su Amazon!