Giochi PC

Call of Duty Warzone: risolto l’exploit delle rianimazioni infinite

Con l’arrivo di Call of Duty Warzone, i giocatori che si sono fiondati in massa nella nuova modalità del titolo hanno riscontrato fin dalle prime partite un exploit, di cui vi abbiamo parlato in questa news, che permetteva ai membri di un team di rianimare i compagni atterrati al di fuori della safe zone, senza che questi ricevessero delle penalità in seguito. Il bug era semplice: c’era abbastanza tempo a disposizione per i giocatori per poter rianimare un compagno abbattuto all’interno della coltre di gas che ricopriva le zone della mappa al di fuori dell’anello, siccome i player atterrati, una volta rianimati, tornavano in azione con tanti punti vita quanti gliene erano rimasti dallo stato di atterramento, garantendogli quindi un malus seguente pressochè nullo.

Ciò permetteva ai giocatori, quindi, di rianimare gli altri all’infinito e a ciclo continuo, fino alla fine della partita. Questo funzionava ancora meglio, stando a quanto dichiarato dall’utente di Reddit MightyKonsti che ha scoperto e mostrato per primo l’exploit, se chi rianimava un compagno ferito aveva a disposizione il perk Tune Up, che permette di curare i teammates il 25% più velocemente, sebbene il bug potesse essere attuato anche senza. Date le numerose segnalazioni in merito, Infinity Ward ha provveduto tempestivamente a risolvere il problema, rilasciando il giorno stesso alla scoperta una patch in cui l’exploit è stato risolto.

Infinity Ward ha anche pubblicato un tweet in cui affermava di essere al corrente della questione e che avrebbero risolto la cosa nel minor tempo possibile, sebbene non sia ancora del tutto chiaro come abbiano provveduto ad ovviare al problema, ma, da quanto emerso, sembra che ora sia impossibile sopravvivere nella nube di gas per un periodo prolungato.

Call of Duty Warzone è una versione battle royale free to play standalone (non necessita del gioco base per essere scaricata) ambientata nel mondo dell’ultimo capitolo, Modern Warfare, che presenta delle caratteristiche uniche rispetto ai suoi rivali, come la presenza di 150 giocatori che si daranno battaglia all’interno di una mappa mastodontica, con la possibilità di poter respawnare qualora si venisse uccisi vincendo uno scontro uno contro uno all’interno di un gulag.

Per provare il comparto multiplayer classico di Call of Duty modern Warfare, vi rimandiamo a questo link.