Giochi PC

Call of Duty Warzone: trovato il primo exploit nella nuova modalità

Call of Duty Warzone è stato rilasciato da soli due giorni: in questo breve lasso di tempo, i videogiocatori si sono già imbattuti in un terribile exploit rianimando i compagni atterrati. In particolare, l’user di Reddit Mightykonsti si è imbattuto accidentalmente nell’exploit rianimando i propri teammate, decidendo in seguito di condividerlo col resto del mondo. Similmente a quanto accade negli altri battle royale, l’area di gioco in Call of Duty Warzone si restringe in un cerchio sempre più piccolo, ricoprendo le aree esterne in una vasta nube di gas che uccide chiunque non riesca a fuggire in tempo, e, a differenza delle altre forme di danno ricevibili, il gas ignora l’armatura e colpisce direttamente i punti vita del nostro operatore. L’unico modo per ovviare, in parte, al problema, è quello di trovare una maschera antigas, drop piuttosto raro, che ci consentirà di guadagnare qualche secondo in più all’interno della nube.

Sfortunatamente, ciò che Mightykonsti e i suoi amici hanno scoperto è che è possibile rianimare i propri compagni di squadra all’interno dell’anello di gas praticamente all’infinito. Quindi, fintanto che un compagno è in vita, gli altri possono “ruotare” morendo o venendo rianimati, finché tutti gli altri giocatori nella sessione non sono morti, garantendogli così la vittoria. In ogni gioco battle royale, i player hanno a disposizione una barra di salute aggiuntiva qualora entrassero nello stato di “knocked down”, dando loro una chance di sopravvivere all’assalto dei nemici e di ritirarsi per essere curati.

In buona parte dei titoli, tuttavia, un player rianimato riceverà indietro solo una parte dei propri HP, al fine da non risultare una minaccia immediata per gli avversari. Quando un giocatore viene rianimato all’interno di Call of Duty Warzone, egli ritornerà in azione con i punti vita rimasti a disposizione dallo stato di atterramento: in poche parole, quanto più velocemente un tuo compagno correrà a rianimarti, tanti più HP si avranno a disposizione una volta in piedi. PlayerUnknown’s Battleground, a differenza, aggira il problema riducendo la vita del giocatore ogni qual volta verrà atterrato e in seguito rianimato. Warzone non ha al momento una funzione simile, per cui si può continuare la propria partita venendo rianimati di volta in volta fino al termine del match.

Speriamo che questo problema venga risolto in fretta, siccome si tratta di un exploit non grave, che non intacca il cuore del gioco in maniera significativa. Vi sta piacendo l’esperienza folle di Call of Duty Warzone?

Vi consigliamo di provare anche il multiplayer del nuovo COD, disponibile a questo link.