Giochi PC

Coronavirus: ecco un gioco italiano che sensibilizza sull’epidemia

Durante questo periodo difficile legato all’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus, sono state molte le iniziative lanciate per sensibilizzare la popolazione su un tema così importante. Fra queste ve ne citiamo una portata avanti da alcuni sviluppatori indipendenti italiani, i quali si sono organizzati in una sessione di gamejam durata circa 72 ore e che ha portato alla realizzazione di un titolo indie molto interessante.

Il progetto in questione si chiama Locked ed è incentrato su come affrontare il contagio da Coronavirus. I giocatori sono messi al comando di un ipotetico paese, e saranno chiamati a prendere delle decisioni fondamentali riguardanti la minaccia della pandemia da COVID-19. Bisognerà decidere quale misure adottare durante la crescita del contagio, tenendo ben presenti soprattutto le ricadute sociali, economiche e politiche delle nostre scelte.

Locked

Lo scopo principale del gioco è ovviamente ridurre la diffusione del virus tramite alcune scelte che avranno conseguenze dirette sull’intera popolazione del paese che governiamo. Il gioco come ovvio che sia per un progetto realizzato in sole 72 ore di sviluppo è molto semplice in termini tecnici ma raggiunge appieno l’obiettivo per cui è stato creato, ovvero sensibilizzare la popolazione sul tema legato alla pandemia. Locked è attualmente giocabile online gratuitamente a questo indirizzo.

Negli ultimi tempi anche un noto gioco mobile ha cercato di mirare allo stesso obiettivo, stiamo parlando di Plague Inc., il quale è stato aggiornato dagli sviluppatori con un’inedita modalità in cui i giocatori dovranno occuparsi di salvare l’intero pianeta dal contagio inarrestabile da COVID-19, prima che questo si diffondi ovunque portando morte e distruzione. Per realizzare questa modalità, Ndemic Creation, ha collaborato con vari organismi internazionali, tra cui l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che nell’ultimo periodo ha affermato quanto sia importante la funzione dei videogiochi in un momento delicato come quello che stiamo vivendo.

E voi cosa ne pensate di queste iniziative? I videogiochi vi stanno aiutando ad affrontare questi lunghi giorni di quarantena?