Giochi PC

DOOM RTX: la mod ha solo “rubato” le texture di DOOM Remake 4?

Il modder “doom rtx” ha rilasciato una mod per il primissimo DOOM, la quale promette di far giocare l’intera opera con la tecnologia ray-tracing, sempre che siate in possesso di una GPU Turing di NVIDIA. Secondo quanto dichiarato, il modder ha usato le Vulkan API ed è necessario possedere almeno una RTX 2060 per poter eseguire il gioco. Oltre all’RTX, la mod dovrebbe aver introdotto alcuni cambiamenti e miglioramenti, come texture di qualità superiore.

Più precisamente, DOOM RTX utilizza il ray tracing per tutti gli effetti di luce: riflessi realistici, rifrazione, ombre, occlusione ambientale e illuminazione globale. In pratica, un pacchetto completo. La mod può essere utilizzata solo se si possiede il gioco originale: sono supportate sia la versione Steam che la versione GOG. Tutto bene, quindi? No, purtroppo no. Alcuni utenti hanno infatti accusato il creatore di DOOM RTX di aver rubato alcuni file dalla mod proibita “DOOM Remake 4”.

DOOM RTX

Gli accusatori affermano che il file “texture_lights.wad” è identico per entrambe le release. Per questo motivo, esiste la possibilità che non venga utilizzato un vero effetto di ray tracing. Tramite il confronto di alcuni video, i giocatori affermano di aver trovato delle uguaglianze tra DOOM Remake 4 e DOOM RTX, ma al tempo stesso sono state notate delle differenze.

Attualmente, quindi, risulta difficile capire se quanto offerto da DOOM RTX sia legittimo oppure se sia solo un “furto” di file di una mod bannata. Ovviamente il modder afferma che è tutto in regola e che la tecnologia ray tracing è attiva. Potete valutare con i vostri stessi occhi: la mod è disponibile a questo indirizzo.

Se avete voglia di DOOM, allora potete prenotare Eternal, il nuovo capitolo in arrivo il 22 novembre 2019.