Tom's Hardware Italia
Game Division

Electronic Arts E3 2019, quali novità verranno annunciate all’EA Play?

L'E3 2019 è alle porte. Iniziamo a ipotizzare cosa ci aspetterà durante la conferenza di Electronic Arts durante l'EA Play del prossimo 8 Giugno.

L’E3 2019 sarà un’occasione che Electronic Arts non potrà minimamente sprecare, non solamente perchè, come da consolidata tradizione, la società statunitense avrà l’onore di aprire la sfilata di conferenze della kermesse videoludica di Los Angeles ma anche, e soprattutto, in virtù di un anno costellato da pesanti fallimenti e da inaspettati successi, per i quali l’attenzione di pubblico e critica sarà tutta rivolta verso l’EA Play che si terrà il prossimo 8 Giugno.

Con un nuovo CEO a tirare le fila che muoveranno quello che si appresta a essere l’ultimo anno dell’attuale generazione videoludica, cominciamo a ipotizzare cosa ci aspetterà durante la conferenza virtuale di Electronic Arts all’E3 2019, barcamenandoci fra presenze certe e, potenziali, grandi assenze.

Fifa 20 e Il Catalogo EA Sports

La presenza del franchise sportivo piu importante di Electronic Arts e ovvia come Una Poltrona Per Due in palinsesto alla vigilia Di Natale. Fifa 20 è, infatti uno di quei titoli che non necessita di essere confermato da Rumor o indiscrezioni di sorta e, assieme ad altre colonne portanti della serie EA Sports quali Madden per il suolo Statunitense, ha il grande pregio di non necessitare rinnovamenti massicci rispetto all’attuale modello di gioco offerto al pubblico. Seppur al momento non vi siano informazioni ufficiali da parte di Electronic Arts, sicuramente assisteremo alle canoniche limature al comparto tecnico e al gameplay, unite a una modalita “Il Viaggio” che potrebbe sorprendere l’utenza piu di quanto ci si aspetti, dopo la conclusione della storia di Alex Hunter nell’edizione precedente.

E se la fanbase di Fifa vocifera di Meteo Variabile, introduzione del VAR e un, quasi certo, Mbappé sulla copertina dell’edizione annuale, noi vogliamo ipotizzare una versione per Nintendo Switch, meno farraginosa della precedente, che potrebbe rivelarsi un’ottima mossa per sorprendere la platea e conquistare l’attuale utenza della console ibrida della casa di Kyoto. Se, inoltre, Electronic Arts decidesse di riservare lo stesso trattamento di miniaturizzazione anche per la celebre serie Madden riuscirebbe a coprire ampiamente quella parte di videogiocatori che, attualmente, risulta orfana di un titolo calcistico, o dedicato alla celebre NFL, di spessore.

Need For Speed

Il ventiquattresimo capitolo di Need for Speed è stato confermato, dalla stessa Electronic Arts, durante l’annuale incontro con gli investitori tenutosi lo scorso Febbraio. Non è dato sapere al momento ulteriori dettagli ma la sua presenza durante l’EA Play dell’E3 2019 è indubbia. Le nostre speranze, verso questo nuovo capitolo, sono tutte rivolte a un modello economico che si discosti il piu possibile dal precedente Need For Speed Payback e, ovviamente, a un ritorno in grande stile delle meccaniche che hanno reso celebre la serie. Non resta che rimettersi nuovamente alle sapienti mani dei ragazzi di Ghost Games, che ricordiamo ha fra le sue fila i talentuosi ragazzi di Criterion Games noti nel settore per la frenetica e divertentissima serie di Burnout.

Il Ritorno Di Plants Vs. Zombie

Non sappiamo ancora se la famosa serie di Electronics Arts farà il suo ritorno con un nuovo capitolo canonico o con un sequel della peculiare serie di spin-off, Garden Warfare ma, durante l’incontro con gli investitori per il terzo quarto dell’anno fiscale, EA ha inserito il celebre brand all’interno della sua pianificazione per il 2019, suscitando immediatamente l’interesse della solida fanbase della serie sviluppata, originariamente, da Pop Cap Games. Se si trattasse di un terzo capitolo canonico di Plants Vs. Zombie ci auspichiamo che EA abbia compreso dagli errori che portarono rapidamente l’utenza a dimenticarsi del precedente capitolo a causa di un impianto di acquisti in-app in grado di inquinare l’intera esperienza di gioco, facendo scemare rapidamente l’interesse verso uno dei titoli strategici per piattaforme mobile piu interessanti del 2013. Se invece ci trovassimo di fronte a Garden Warfare 3 vogliamo solo sperare che Electronic Arts non accavalli nuovamente le sue release autunnali rischiando di far passare in secondo piano una delle serie di shooter più peculiari e interessanti uscite negli scorsi anni.

La Scommessa Di Bioware

Anthem è stato, indubbiamente, uno dei titoli piu discussi di questi primi mesi del 2019. Accolto tiepidamente dalla critica, e acclamato nelle sue prime settimane di vita dal pubblico, il Game As A Service distribuito da Electronic Arts ha accusato un rapido calo d’interesse a causa, principalmente, di una gestione non ottimale dei contenuti, e dei conseguenti aggiornamenti, da parte della stessa Bioware. Dopo gli ultimi tragicomici sviluppi, che hanno visto l’iniziale Roadmap di update gratuiti completamente cancellata e una Bioware arrivata al punto di accusare le aspettative dei giocatori come il maggior motivo dell’attuale fallimento di Anthem, l’unica scelta logica sarebbe quella di presentare, durante l’EA Play, un’espansione gratuita, e contenutisticamente appagante, che riesca a salvare il progetto Anthem e a riscattare l’opinione pubblica di Bioware dopo questi ultimi, tumultuosi, mesi spianando la strada nella migliore maniera all’importante release futura del quarto capitolo di Dragon Age.

Proprio per queste motivazioni troviamo alquanto improbabile la presenza, durante l’EA Play, di Dragon Age 4. Ulteriori informazioni su di un titolo di tale portata, in un momento cosi peculiare, non solo rischierebbero di sancire definitivamente un silente abbandono del tanto discusso Game As A Service di Electronic Arts ma potrebbero ridefinire le aspettative che l’utenza riporrebbe nel celebre GDR di Bioware, proprio a causa della gestione confusionaria, e a tratti spocchiosa, che la software house ha riservato ad Anthem in questi ultimi mesi.

Jedi Fallen Order e Respawn Entertainment

Il 2019 è stato sicuramente l’anno della rivalsa di Respawn Entertainment. Sulle ceneri di quel Titanfall 2, tanto amato da pubblico e critica quanto sottostimato dalla stessa Electronic Arts, la software house di vince Zampella è riuscita a creare quell’Apex Legends in grado di far tremare il podio occupato, oramai da tempo immemore, dal “Fenomeno Fortnite”. Un Battle Royale in grado di unire giocatori casual e hardcore player con un Gameplay che rivisita le migliori caratteristiche della serie Titanfall e le inserisce in un frenetico sparatutto free to play, capace di mischiare tradizione e innovazione in una formula che si è rivelata vincente su tutta la linea. Ovviamente durante l’EA Play ci aspettiamo qualche succoso aggiornamento per la nuova gallina dalle uova d’oro di Electronic Arts, specialmente considerando la costanza con cui Fortnite continua a modificare la sua consolidata formula, cercando di tenere testa al nuovo contendente al trono.

Respawn Entertainment, però, avrà un’altro titolo di grosso calibro con cui incantare la platea. Jedi Fallen Order, infatti, è indubbiamente il titolo piu atteso dell’intero EA Play, non solo per il nome importante di cui si fregia ma perchè rappresenta il ritorno a una formula di tie-in dedicati a Star Wars, maggiormente tradizionale. Un action single-player, privo di microtransazioni e fortemente incentrato sulla narrativa che potrebbe rivelarsi, tranquillamente, uno dei videogiochi maggiormente rilevanti del prossimo autunno. Jedi Fallen Order, e di conseguenza Respawn Entertainment, non hanno pero solo l’onere di riuscire a realizzare il titolo che i fan dell’opera di George Lucas chiedono a gran voce da anni ma, soprattutto, riportare in auge il binomio EA/Star Wars, oramai da troppi anni legato a doppio filo allo scandalo delle microtransazioni che hanno affossato i due Battlefront, usciti durante l’attuale generazione videoludica.

Il nostro augurio, e la nostra speranza, nei confronti di Electronic Arts è quelli di riuscire, con la prima conferenza di questo E3 2019, a sorprendere critica e pubblico con degli annunci che, piu che puntare a stupire con delle “bombe” inaspettate, mirino a riportare ai lustri del passato una delle società più famose dell’intero panorama videoludico.

Se non aspettate altro che il giorno della release di Jedi Fallen Order, vi consigliamo di prenotare l’edizione deluxe del nuovo tie-in dedicato a Star Wars.