PlayStation

Fallout 76: Zenimax dovrà rimborsare i giocatori australiani

Continua quella che per Fallout 76 sembra essere una vera e propria epopea senza fine. Questa volta è la Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori (ACCC) a scendere in campo, accettando una sentenza del tribunale secondo cui ZeniMax Media non avrebbe adempiuto ai propri doveri nei confronti dei consumatori.

In pratica, i videogiocatori insoddisfatti hanno iniziato a lamentarsi con l’ACCC dopo che i rappresentanti di ZeniMax hanno negato un rimborso per Fallout 76, nonostante i consumatori avessero più volte riscontrato vari difetti all’interno del gioco, contravvenendo così alla legge australiana.

“Quando un consumatore acquista un prodotto, riceve automaticamente la garanzia, e il rivenditore deve assicurarsi che la politica dei rimborsi e dei resi rappresenti quello che la legge australiana riguardante i diritti dei consumatori, prevede” ha detto la rappresentante dell’ACCC Sarah Court, aggiungendo infine: “Se un consumatore ha comprato un prodotto che è difettato, la legge gli concede il diritto di chiedere per la sostituzione o il rimborso”.

Ora ZeniMax dovrà rimborsare tutti i giocatori australiani che avevano fatto richiesta tra il 24 Novembre 2018 e il 1 Giugno 2019. La società è stata inoltre obbligata ad aggiornare i propri documenti relativi al servizio clienti e all’assistenza, in modo da rendere la loro politica più chiara e conforme ai diritti dei consumatori come stabilito dalla legge australiana. Cosa pensate della situazione Fallout 76? Diteci la vostra

Fallout 76 si trova su Amazon ad un prezzo strabiliante. Acquista il titolo Bethesda ora a questo indirizzo.