Giochi PC

FIFA 11 a 8 milioni, Medal of Honor delude EA

Electronic Arts ha chiuso il secondo trimestre fiscale con una perdita di 201 milioni di dollari, inferiore a quella di 391 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. Il fatturato è sceso del 20% a 631 milioni di dollari, contro i 788 milioni dell’anno passato. Tuttavia inclusi i ricavi posticipati, sospesi o differiti ed escluse le stock options, le acquisizioni, la ristrutturazione e altre spese, EA avrebbe raggiunto un utile di 32 milioni di dollari e un fatturato di 884 milioni di dollari.

Le vendite di titoli per Xbox 360 ha raggiunto il 30%, quelle su PS3 il 34%. A seguire Wii e smartphone (6%), PS2 (3%), PSP (2%), DS (1%) e PC (9%). Quindi mentre le vendite di giochi EA per PS3 salgono del 7% e quelle di giochi Xbox 360 dell’1%, l’editore statunitense ha visto crollare dell’82% le vendite di titoli per Wii. EA ha parlato inoltre di un incremento delle vendite digitali del 35%. Quest’ultime rappresenterebbero il 30% della vendita di titoli.

Per quanto riguarda la vendita dei giochi EA segnala che FIFA 11 ha raggiunto le 8 milioni di copie vendute, mentre Medal of Honor i 2 milioni circa. Proprio di quest’ultimo titolo ha parlato Patrick Soderlund, vicepresidente di EA Games. “Quello che posso dire è che il gioco non ha rispettato le nostre aspettative di qualità. Per avere successo in questo settore dobbiamo avere un gioco che è davvero forte. Medal of Honor è stato giudicato per certi versi più duramente di quello che dovrebbe essere. Il gioco è migliore di quello che dicono le recensioni attuali“.

Fallimento? In casa EA non vogliono dire quella parola (e sarebbe anche sbagliato), ma certamente sanno che bisogna lavorare duramente per riportare in auge una serie uscita dal cuore degli appassionati dopo anni di silenzio.
Patrick Soderlund ha anche confermato che il team di sviluppatori BlackBox è già al lavoro sul prossimo Need for Speed, atteso a novembre 2011. Soderlund ha anche dichiarato di aver visto la PSP2 di Sony, di averla a disposizione, ma non ha voluto chiaramente esporsi troppo (PSP2 con pannello touch posteriore, roba che scottaPSP2: no UMD, il doppio della RAM di Xbox 360?).

“EA è il publisher numero uno sulle console HD con il 25% nel corso dell’anno, il 2% in più dell’anno scorso. Siamo l’editore numero uno nel segmento PC con una quota del 27% nella vendita retail e  registriamo una forte crescita dei download digitali di giochi completi”, ha dichiarato l’azienda.

Battlefield: Bad Company 2 ha raggiunto le 6 milioni di copie vendute dal debutto di marzo. Le vendite sono raddoppiate rispetto al primo capitolo. EA ha annunciato inoltre di aver cancellato lo sviluppo di NBA Elite 11 e quindi solo un gioco sulla pallacanestro, NBA Jam per PS3, 360 e Wii, sarà disponibile quest’anno. L’editore ha anche annunciato che lo sviluppo di NBA Elite passerà da EA Canada a EA Tiburon, che già lavora su Madden.

Infine EA ha annunciato una partnership strategica con Facebook della durata di cinque anni. La moneta del social network, Facebook Credits, diventerà la valuta esclusiva per i giochi che EA realizzerà per il social network nel prossimo futuro. EA pensa che “creerà  un’esperienza semplificata e più accessibile alle persone che giocano e acquistano beni virtuali su Facebook”.