Giochi PC

Fortnite: il nuovo matchmaking crea “partite più equilibrate”, ma i giocatori sono preoccupati

Recentemente Fortnite ha visto l’introduzione di un importante cambiamento che potrebbe nettamente modificare l’esperienza di gioco degli appassionati. Non si tratta però di una nuova arma o di una modifica a una meccanica esistente. Epic Games ha cambiato il metodo di matchmaking dei match della Battaglia Reale. Lo scopo? Fare in modo che le “partite siano più equilibrate“.

L’obbiettivo ora è di unire giocatori con un livello d’abilità molto simile, unendo anche giocatori di diverse piattaforme. Nel blog ufficiale Epic ha scritto: “Con il lancio, abbiamo visto numerose discussioni su quanto sarebbe iniquo far affrontare giocatori con piattaforme e periferiche di comando diverse. Ma il nuovo sistema di matchmaking è progettato proprio per individuare i livelli di abilità e raggruppare i giocatori con abilità simile, indipendentemente dalla piattaforma o dal sistema di input.”

Fortnite 10.0

“Il nostro obiettivo per il nuovo sistema di matchmaking è di creare partite più eque per tutti i giocatori, e quindi di tenere in conto l’impatto di ciascuna piattaforma. In altre parole, i giocatori saranno abbinati ad avversari con abilità simili, individuati fra TUTTE le piattaforme: mouse + tastiera, controller o comandi touch. Stiamo monitorando attentamente i dati delle partite e i vostri commenti e applicare le modifiche necessarie per garantire partite eque per tutti.”

Alcuni temono però che i giocatori si macchino di “smurfing, ovvero che un veterano crei un nuovo account per ritrovarsi contro avversari alle prime armi e vincere facilmente. La risposta di Epic è stata: “Per quanto riguarda lo smurfing, abbiamo sentito parlare di giocatori che usano account smurf per avere abbinamenti più facili. Lo smurfing è una violazione punibile con il ban. Lo smurfing è spesso accompagnato comportamenti negativi e in generale è un problema di onestà nel gioco. Se dovessimo ricevere segnalazioni ripetute e ritenere che le vostre azioni hanno un impatto negativo sull’esperienza di gioco degli altri, agiremo di conseguenza.”

Pare quindi che il team di Fortnite abbia pensato attentamente a ogni dettaglio. L’obbiettivo, ovviamente, è aiutare i nuovi giocatori a prendere la mano con la battaglia reale ed evitare che perdano interesse rapidamente a causa di un matchmaking che li abbina a veterani, destinandoli quindi a una sconfitta totale. Voi cosa ne pensate?

Se siete alla ricerca di contenuti speciali di Fortnite, potete acquistare questo pacchetto.