Giochi PC

Google Stadia utilizzerà una GPU AMD Vega di prima generazione secondo Khronos

Quando Google ha presentato il suo servizio di game streaming Google Stadia, molto simile a GeForce Now, ci sono state molte speculazioni e voci di corridoi per quanto riguarda il futuro hardware utilizzato. L’azienda del famoso motore di ricerca non si è sbilanciata più di tanto su questo discorso, rimanendo più o meno sempre sul vago.

Quando Google Stadia è stata presentata a marzo, ha lasciato parecchie domande senza risposte ai numerosi fan della nuova piattaforma. Alcune di queste domande riguardavano proprio la qualità grafica del servizio e anche la tipologia di scheda grafica utilizzata. Da questo punto di vista alcuni hanno dedotto che come scheda grafica la soluzione adottata da Google potrebbe essere la nuova GPU da 7nm di AMD, ovvero la Radeon VII. Se infatti pensiamo a gennaio, mese in cui la scheda grafica è stata presentata, AMD sembrava avere già un grosso cliente alle sue spalle e questo per molti non è stato solamente un caso.

Khronos, l’organizzazione dietro lo sviluppo dell’API Vulkan, ha di recente inserito la piattaforma Google Stadia tra i suoi “prodotti conformi”. La descrizione per la GPU di Google Stadia riporta “Google Games Platform Gen 1 (AMD GCN 1.5)” che afferma che Google stia utilizzando la versione 1.5 della famiglia di architetture grafiche GCN (o Grapichs Core Next) di AMD. Per ogni generazione delle sue schede grafiche AMD ha fatto uscire il corrispettivo GCN, partendo dalla 1.0 per poi passare alla 1.1, 1.2 e così via. Attualmente con la sua ultima GPU da 7nm è arrivata alla versione 1.5.1 e Google, come detto poco sopra, utilizza la versione 1.5 e non la 1.5.1.

Si vocifera che Google Stadia utilizzi una GPU personalizzata da AMD, contenente 56 unità di calcolo e una banda di memoria che arriva fino ai 484GBps. Dai numeri di unità di calcolo appena citati, sembra che AMD stia utilizzando proprio una versione del chip Vega 56 totalmente customizzata appositamente per Google. Questo vuol dire che l’azienda sviluppatrice della piattaforma Stadia abbia intenzione di investire in una tecnologia già esistente e matura. Ovviamente questo non possiamo dirlo con certezza dato che non è stato confermato. 

Vi ricordiamo che anche Sony e Microsoft sono a lavoro su delle nuove piattaforme game streaming, pronte a fare concorrenza a Google Stadia.