Xbox One

Google Stadia e Project xCloud saranno ininfluenti nel 2019 secondo un’analista

Uno dei più interessanti argomenti di questo E3 2019 appena conclusosi è sicuramente quello riguardante le nuove proposte di gaming in streaming, con in primis la chiacchieratissima Google Stadia e l’altrettanto interessante Project xCloud di Microsoft. Le conferenze tenutesi alla kermesse di Los Angeles e la scorsa settimana ci hanno infatti permesso di conoscere più a fondo le tecnologie e l’ideologia alla base delle due piattaforme.

Non tutti sono però rimasti soddisfatti dalle dichiarazioni dei due colossi americani e, anzi, qualcuno ha dei seri dubbi riguardo l’effettiva efficacia di Stadia e Project xCloud. A farsi portatore di queste perplessità è in particolare Matt Piscatella, analista del NPD Group.

Secondo Piscatella, infatti, Google Stadia e Project xCloud saranno ininfluenti nel corso del 2019 e non riusciranno a modificare in nessun modo il mercato. L’analista non è quindi uscito per nulla soddisfatto da questo periodo e dalle presentazioni dei due servizi.

“Ho lasciato lo show con più domande che altro. Non capisco a fondo il modello di business di entrambi i servizi, che entrano in un mercato momentaneamente occupato da PlayStation Now di Sony e GeForce Now di Nvidia.” ha infatti dichiarato Piscatella.

Allargandosi poi su Google Stadia in particolare: “Mi aspettavo decisamente più dettagli sul servizio di streaming. Le esclusive, che più di una volta si sono rivelate cruciali per il lancio di una console, sono decisamente limitate e in una scala decisamente minore rispetto ad un tradizionale lancio di una console. Google Stadia ha però sicuramente il supporto dei publisher di terze parti ma resta comunque il dubbio di come reagirà il mercato, se ci sarà abbastanza benzina per alimentare il meccanismo e se effettivamente i consumatori adotteranno il servizio. Non credo proprio che Stadia avrà un grosso impatto quest anno sul mercato”

Piscatella ha inoltre parlato anche di Project xCloud di Microsoft, spendendo parole simili e sottolineando che potrebbe avere un impatto positivo sulle vendite di Xbox e Xbox Game Pass nei prossimi anni.

Che ne pensate di queste dichiarazioni dell’analista, condivisibili?

Preferite le console tradizionali? Ecco a voi Xbox One: se non avete la console, è di certo un ottimo momento per comprarla.