Xbox

Halo Infinite: ex-sviluppatori criticano il gioco, ma è vero?

Microsoft e gli Xbox Game Studios hanno presentato al mondo, la scorsa settimana, molteplici giochi esclusivi in sviluppo. Uno dei più attesi e ampiamente annunciato è Halo Infinite, ospite d’onore della serata. Il gioco di 343 Industries ha mostrato una corposa sequenza di gameplay, come tutti speravano. Purtroppo, la reazione del pubblico (o per meglio dire, la reazione del pubblico più rumoroso) non è stata del tutto positiva: in molti hanno lamentato una qualità grafica non esattamente next-gen.

Le critiche al gioco, però, non si fermano a questo. Pare infatti che, come segnalato su Reddit, molteplici ex-sviluppatori abbiano deciso di spiegare cosa sta accadendo dietro le quinte dello sviluppo di Halo Infinite.

Secondo quanto riportato, come potete leggere voi stessi qui sopra, la gestione del progetto sembra pessima. Viene spiegato che il team utilizza in modo massiccio dipendenti sotto contratto a tempo determinato: c’è un continuo ricircolo di personale all’interno del team e questo genera problemi di continuità e perdite di tempo addizionali; i nuovi arrivati devono infatti lavorare con strumenti modificati da precedenti dipendenti.

Viene anche spiegato che il morale è basso perché la maggior parte dei lavoratori sanno che non vedranno la fine dello sviluppo. Anche gli strumenti tecnologici sono ritenuti inadeguati: il team ha a disposizione strumenti “vecchi di un decennio” tenuti insieme da “centinaia di correzioni approssimative”.

Le opinioni sull’ambiente di lavoro sono inoltre varie: alcuni affermano che è un luogo positivo, ricolmo di persone di qualità e di talenti, mentre altri affermano che si tratta di un luogo estremamente tossico. In ogni caso, anche i più positivi affermano che il sistema a contratti a tempo determinato rende la gestione del lavoro complessa e abbassa il morale del team. A ricevere le maggiori critiche sono soprattutto le figure a capo di 343 Industries che vengono definite come poco capaci e poco aperte al dialogo.

Halo Infinite
Halo Infinite

A corroborare quanto affermato è Richard Masucci, youtuber con quasi un milioni di follower, il quale cita una fonte anonima di Microsoft. Ovviamente tutto questo rimane (e probabilmente rimarrà) solo un rumor. Anche ammettendo che non vi siano pure invenzioni tra le dichiarazioni sopra riportate, bisogna ricordare che si tratta di poche voci, magari influenzate da elementi a noi non noti.

Ciò che conterà, alla fine, è la qualità di Halo Infinite come videogame: per poter esprimere una qualsiasi opinione in merito, però, dovremo attendere di provarlo.

In attesa di Halo Infinite, potete giocare la collection dei precedenti capitoli, disponibile su Amazon.