Tom's Hardware Italia
PlayStation 4

Hands-on Detroit: Become Human, anche i droidi sanguinano

Abbiamo provato Detroit: Become Human, il nuovo titolo di Quantic Dream per PS4. Cosa siete disposti a fare per salvare una vita innocente?

Quando la madre di una bambina che stavo provando a salvare si è rivolta a me come un oggetto, urlando ai poliziotti di non lasciarmi avvicinare a sua figlia, ho deciso di avere pietà. Anche se sono un droide. E dire che avevo persino salvato il suo pesce dal soffocamento rimettendolo nell'acquario.

detroit become human 1

Detroit: Become Human è un titolo d'azione per PS4 con un feeling noir, focalizzato sulle scelte del giocatore. Le azioni e decisioni hanno un peso nel mondo e influenzano la storia, molte volte in maniera inaspettata.

Nel trailer del prossimo titolo firmato Quantic Dream, mostrato durante la conferenza Sony all'E3 2017, siamo stati introdotti a Marcus e Lucy, due androidi senzienti in missione per liberare altri androidi in vendita in un negozio. Gli automi senzienti nel negozio formano un'armata che incontra i poliziotti e le scelte compiute da Marcus influenzano drasticamente lo svolgersi della trama.

Questo, come negli altri titoli di Quantic Dream, è il punto più importante. Quali decisioni prenderete quando dovrete affrontare scelte difficili? L'ho scoperto provando per la prima volta la demo.

La demo permetteva di giocare con la sequenza vista nel trailer dell'E3 2016, dove Connor, un androide che lavora come negoziatore della polizia, doveva salvare una ragazzina tenuta in ostaggio da un androide fuorilegge. Quando ho visto il trailer di Sony dell'anno scorso, Connor non fu in grado di salvare la bambina e l'ho vista soccombere. Non lo avrei permesso di nuovo.

Sulla scena del crimine ho parlato all'ufficiale in comando, che come la ragazzina e sua madre si riferiva a me e agli altri androidi come delle "cose". Mi ha spiegato minacciosamente che si sarebbe occupato lui del droide se non ci fossi riuscito io, anche se il bot fuorilegge e la ragazzina erano in equilibrio precario sul bordo del palazzo. Nonostante il disgusto provato per gli umani in quel momento, era tempo di andare a fare il mio lavoro.

detroit become human 2

Mi sono state date due scelte: capire cosa fosse accaduto o affrontare l'androide. Sapendo che ci avrei comunque dovuto parlare, ho deciso di essere prudente e capire meglio il contesto e il soggetto. Insomma, la vita di una bimba è in pericolo, giusto?

Ho esplorato il lussuoso appartamento, cercando di capire come le cose siano andate a rotoli. Dopo aver cercato nella stanza della bambina, ho scoperto che si chiama Emma e che una volta lei e l'androide erano molto legati. Ho anche capito che miracolosamente non ha sentito i colpi di pistola che hanno ucciso suo padre, grazie alle cuffie che indossava.

Ho ricostruito la scena nella stanza da letto dei genitori, scoprendo che David, il droide, ha usato la pistola del padre per ucciderlo. Le ricostruzioni dei crimini saranno vitali in Detroit. L'area viene analizzata grazie allo scanner 3D, ricostruendo gli eventi accaduti, e si possono anche mettere insieme varie scene pertinenti al caso.

detroit become human 3

Un rapido esame della cucina mi ha permesso di capire che la famiglia stava preparando la cena quando tutto è andato in malora. Nel soggiorno, ho scoperto che il padre aveva appena ordinato un modello che avrebbe rimpiazzato David quando è cominciato tutto. Il droide ha ucciso anche i primi arrivati sulla scena. Le premesse non erano fra le migliori, ma in ogni caso ho deciso di confrontarmi con David. Una notifica mi ha detto che le mie chances di successo erano pari al 68%. Ho buone possibilità.

O almeno, pensavo di averle fino a quando ho cominciato a parlare con David, che si trovava sul cornicione del palazzo, tenendo stretta la piccola Emma con una calibro .50 puntata alla sua tempia. Usando tutto quello che ho imparato su David e la sua famiglia, sono riuscito ad aumentare la mia percentuale di successo al 75%, scegliendo le risposte giuste nel dialogo durante uno scambio di battute a tempo. Ero sulla  buona strada, fino a quando non ho sbagliato, premendo per errore un'opzione di dialogo che demonizzava David per le sue azioni. Il mio cuore ha sobbalzato vedendo la percentuale abbassarsi al 55%.

Fortunatamente ho rimediato selezionando le opzioni di dialogo incentrate sullo shock emotivo, con un'enfasi compassionevole. Alla fine ho raggiunto il 96% di successo, convincendo David che potevo garantirgli che non l'avrebbero ferito. Parole vuote, perché una volta rilasciata Emma due cecchini della S.W.A.T hanno fatto fuoco, lasciando due ferite mortali al torso e alla faccia di David.

Mentre il sangue blu – unico degli androidi – colava, e la vita (?) lasciava i suoi occhi, le ultime di parole che mi ha detto sono state cariche di risentimento e incredulità. "Connor, mi hai mentito." Certo che l'ho fatto, in una società dove la mia razza è cosiderata una proprietà, cosa avrei potuto fare? Connor se n'è andato mentre un messaggio alle sue spalle diceva "missione completata con successo". Considerando tutto quello che è successo, non mi è sembrato un vero successo.

Detroit: Become Human è un titolo che potrebbe potenzialmente far scaturire discussioni piene di significato sul rapporto tra l'umanità e la tecnologia, specialmente nel periodo in cui stiamo vivendo, ricco di progressi nel campo della robotica e delle intelligenze artificiali. Mentirei se, in quanto donna di colore, dicessi di non aver visto delle similitudini alla schiavitù. Non vedo l'ora di giocare a Detroit quando debutterà, e affrontare queste difficili conversazioni.


Tom's Consiglia

Potete prenotare Detroit: Become Human su Amazon o presso i rivenditori specializzati.