Nintendo Switch

Katrielle e il complotto dei milionari | Recensione


Katrielle e il complotto dei milionari – Nintendo Switch
Genere
Puzzle Game
Piattaforma
Nintendo Switch
Sviluppatore
Level-5
Editore
Nintendo

Dal lontano 2007, la linea di giochi dedicati all’iconico Professor Layton è diventata uno dei brand maggiormente iconici delle portatili a doppio schermo di Nintendo. Dopo sei capitoli principali, e un crossover assieme a Phoenix Wright, usciti nel corso di due generazioni di console DS, la serie andò incontro all’inevitabile periodo di stanca che fece prendere la decisione a Level-5 di cercare nuove fonti di ispirazione per il loro celebre brand. Katrielle e il complotto dei milionari, difatti, vide la luce su piattaforme mobile, prima che su Nintendo 3DS, sancendo l’inizio di un progetto di più ampio respiro che avrebbe compreso dei titoli sviluppati attorno a dei personaggi inediti, seppur collegati direttamente al celebre professore, ribattezzato Layton’s Mistery Journey.

Pur offrendo degli enigmi sempre freschi e stimolanti, Katrielle e il complotto dei milionari non riuscì a bissare il successo dei capitoli principali. Vuoi per una natura mobile che, seppur funzionale, fece fatica a decollare a causa del prezzo richiesto per fruire del titolo completo, vuoi per una conversione per Nintendo 3DS priva di un comparto grafico convincente e che mostrava il fianco alla narrazione maggiormente frammentata del capitolo dedicato alla figlia di Layton, il titolo fu accolto in maniera tiepida dal pubblico, seppur ricevette delle valutazioni più che dignitose dalla critica del settore. Risulta comprensibile, quindi, la manovra di Level-5 che, a distanza di un paio di anni dalla release originale, ripropone il capitolo dedicato alla figlia del professor Layton, in una forma completa, sulla nuova Nintendo Switch. Un esperimento che, vi anticipiamo subito, per quanto convinca nella sostanza potrebbe non rivelarsi il miglior terreno di prova per valutare se sviluppare un nuovo capitolo della serie in esclusiva per la console ibrida di Nintendo.

Tale padre… tale figlia!

Katrielle e il complotto dei milionari vede la giovane figlia di Layton impegnata nel suo primo caso dopo l’inaugurazione della sua agenzia investigativa nel cuore di Londra. Accompagnata da un assistente non richiesto, e da un cane parlante di nome Sherl, la giovane comincerà la sua avventura indagando sulla sparizione di una delle lancette del Big Ben fino a ritrovarsi invischiata all’interno di eventi più grandi di lei, che la faranno entrare in contatto con i Sette Draghi (che altri non sono che le figure più ricche e influenti della capitale inglese), nel tentativo di salvare le loro fortune. Le 20 ore richieste per terminare l’avventura principale sono strutturate nella classica formula che ha reso celebre la serie, spostando Katrielle nei vari luoghi di interesse, esaminando le varie ambientazioni e risolvendo gli oltre 200 enigmi presenti nell’avventura principale.

Quello che purtroppo convince poco, nell’arco narrativo di Katrielle e il complotto dei milionari, è la frammentazione a cui è costantemente sottoposta la trama. Tipicamente nella serie veniva proposto un macro caso che andasse a racchiudere al suo interno tutte le varie indagini che Layton e Luke avrebbero svolto, intrecciandole fra di esse in un climax atto a generare il canonico “Plot Twist” tipico del genere investigativo. In Katrielle e il complotto dei milionari, invece, i 12 casi che andremo ad affrontare risultano maggiormente disconnessi fra di loro facendo trasparire maggiormente la natura originariamente mobile dell’avventura basata sull’acquisto dei vari capitoli sotto forma di DLC. Il tutto si risolve in un comparto narrativo poco impattante, con un unico colpo di scena abbastanza “telefonato” e che lascia agli enigmi l’onere di sorreggere l’intera esperienza offerta dal titolo, offrendo una rigiocabilità della storia principale pressoché nulla.

Risolviamo ogni caso!

Proprio entrando in merito agli enigmi presenti in Katrielle e il complotto dei milionari, non ci si può di certo lamentare ne per la quantità, ne per la qualità offerta da quest’ultimi. Come da tradizione, gli oltre 200 indovinelli presenti si baseranno sulla logica, sulla deduzione, sulla conoscenza della fisica e sulle capacità di osservazione del giocatore, offrendo una sfida sempre crescente e che, in alcuni casi specifici, potrà farvi passare anche ore assieme a carta e penna alla ricerca di una soluzione. Ogni indovinello proposto vi permetterà di ottenere un numero di Picarati (una delle valute presenti nel gioco) che verrà definito in base al numero di tentativi, ed errori, che accuserete nel processo risolutivo. Una volta trovata la risoluzione dell’enigma, e raccolto il vostro compenso, quest’ultimo verrà aggiunto a un catalogo liberamente consultabile dal menu principale di gioco, permettendovi di rigiocarlo quante volte vorrete senza dover ripercorrere, nuovamente, le avventure di Katrielle.

Come nella versione mobile di Katrielle e il complotto dei milionari, anche in questa edizione deluxe per Nintendo Switch potrete scaricare un enigma aggiuntivo al giorno, fino a un massimo di 365. Questi indovinelli sono completamente distaccati dalla trama principale e forniscono un sostanziale aumento della longevità dell’opera, duplicando le ore necessarie a completare al 100% il titolo di Level.5. Onde evitare di permettere al giocatore di barare manipolando l’orologio interno di Nintendo Switch, ogni volta che l’ora di sistema verrà modificata per qualsivoglia motivo, verrà precluso all’utente la possibilità di scaricare nuovi enigmi giornalieri per 48 ore. Per quanto campiamo le motivazioni dietro a questa scelta, troviamo poco sensato il non aver reso disponibili fin dal principio questi indovinelli aggiuntivi. Il loro impatto in termini di longevità è enorme e non siamo sicuri che imporre al giocatore di scaricarli a cadenza regolare possa realmente mantenere alto l’interesse verso l’opera, una volta completata l’avventura principale.

A completare l’offerta proposta da Katrielle e il complotto dei milionari, troviamo l’immancabile sezione dedicata ai collezionabili, che potrete sbloccare utilizzando le differenti valute presenti nel gioco. Con le monete museo, ottenibili risolvendo gli enigmi giornalieri, potrete addentrarvi all’interno di una collezione di curiosità inerenti i sei giochi principali dedicati al Professor Layton. Con le monete Moda, acquisibili giornalmente o setacciando le varie ambientazioni di gioco, potrete sbloccare i vari outfit disponibili per la giovane Katrielle. Non si tratta indubbiamente di incentivi in grado di far scalpitare i giocatori per ottenerli ma possono essere considerati, insieme a i vari oggetti rinvenibili durante l’avventura, un buon sistema per tenere traccia dei progressi e della percentuale di completamento del titolo.

Katrielle e il complotto dei milionari… sotto la lente!

Analizzando l’aspetto puramente tecnico di Katrielle e il complotto dei milionari, seppur si tratti di una produzione dal comparto tecnico decisamente basilare, non possiamo che affermare di trovarci di fronte alla migliore delle iterazioni della serie. Le cinematiche, originariamente presenti solo sulla versione mobile, sono state trasposte 1:1 mantenendo l’ottimo doppiaggio Italiano e la risoluzione a 1080p (che scende a 720p in modalità portatile). Il sistema di controllo racchiude il meglio delle due versioni precedenti, permettendo di fruire integralmente del titolo attraverso il solo touch screen o di utilizzare i tasti delle varie periferiche di controllo in maniera comunque sempre comoda e ben realizzata.

Qualche importante sbavatura, invece, persiste nella localizzazione in italiano dei testi. Non sempre realizzata correttamente e afflitta da qualche errore di traduzione che va a rendere poco chiari alcuni enigmi. Se in altre tipologie di gioco questa sarebbe da considerarsi una semplice sbavatura, in Katrielle e il complotto dei milionari diventa un difetto da tenere a mente, specialmente considerando l’importanza che i testi rappresentano al fine di risolvere i vari indovinelli. I 40 brani che vanno a formare la colonna sonora, infine, non risaltano per particolari meriti compositivi, fermandosi all’esecuzione del classico “compitino” atto ad accompagnare l’azione di gioco con temi che, seppur facilmente dimenticabili, risultano piacevoli da ascoltare durante le lunghe sessioni di gioco.

Katrielle e il complotto dei milionari – Nintendo Switch

Il professor Layton è scomparso e tocca a sua figlia Katrielle, una giovane arguta e coraggiosa con il talento di scoprire la verità anche quando le prove scarseggiano, entrare in azione in: Katrielle e il complotto dei milionari, nuovo capitolo della serie Layton Mistery’s Journey.

8
8

Verdetto

Katrielle e il complotto dei milionari è un porting ben realizzato di uno dei capitoli meno interessanti dedicati a Layton. Gli indovinelli proposti si mostrano sempre di qualità certosina, riuscendo nell’intento di divertire e intrattenere a lungo il giocatore ma, a differenza di altri esponenti della serie, sono raccolti in un titolo che trasuda la sua essenza “originariamente mobile”. Un comparto narrativo poco coeso e avvincente, e una serie di scelte opinabili da parte del tema di sviluppo, vanno a inficiare un prodotto che poteva rivelarsi maggiormente interessante. Resta comunque un titolo che farà la gioia degli amanti della serie e un discreto battesimo per il brand su Nintendo Switch, sperando di vedere al più presto un’avventura dedicata a Layton e a Luke sviluppata appositamente per la console ibrida di Nintendo.

Pro

- Enigmi sempre ingegnosi e ben realizzati.
- Tecnicamente ben confezionato.
- Ricco di contenuti e molto longevo.

Contro

- Scarsa rigiocabilità
- Alcune scelte inerenti ai download “temporali” poco comprensibili.
- Localizzazione dei testi non sempre corretta.