Giochi PC

League of Legends: è di Ninja il rage quit più rapido della storia

League of Legends è stato protagonista, purtroppo in maniera involontaria, di uno degli episodi più strani di Twitch, che hanno coinvolto Ninja. Il popolare streamer statunitense (che ricordiamo per essere stato il primo personaggio a legarsi in esclusiva ad una piattaforma) ha infatti tenuto un comportamento decisamente insolito per il sito e soprattutto per la caratura della sua figura.

league of legends

Cosa ha fatto Ninja? Semplicemente, durante un match classificato di League of Legends, ha effettuato il rage quit più rapido della storia. Non solo dal gioco però: lo streamer ha infatti deciso di chiudere anche la sua diretta streaming. Il tutto in una finestra di tempo rapidissima di circa 5 minuti. Esattamente: sono bastati 300 secondi per riuscire ad innervosire il ragazzo ed è per questo che probabilmente si tratta del rage quit più veloce mai ricordato.

Un vero peccato per tutta la sua fan base ma è anche una faccenda decisamente curiosa. Uno streamer del calibro di Ninja, conosciuto davvero da tutti (complice anche la sua conduzione al Capodanno 2020 di New York in diretta da Times Square) non è davvero riuscito a reggere la pressione di una partita a League of Legends? Davvero strano, considerando che oramai da un mese ha deciso di approcciarsi al titolo, tanto da aver raggiunto il livello Platinum IV.

Al di là di questo episodio e della performance su League of Legends, Ninja è stato anche protagonista di un altro evento su Twitch, questa volta indipendente dalla sua figura. La scorsa settimana infatti la piattaforma ha deciso di bannare diversi bot che falsificavano i dati riguardanti follower e spettatori. I canali più grandi sono stati colpiti da questo fenomeno perdendo anche milioni di iscritti, a parte quello di Ninja, che ha perso solamente 200.000 follower. Un numero decisamente esiguo per una figura del suo calibro e della sua popolarità.

La guida ufficiale di League of Legends vi aspetta su Amazon.