eSports

League of Legends, la produzione dei LEC ritorna a Berlino

Il ritorno delle competizioni dal vivo sembra già essere nei piani delle più grandi organizzazioni esportive mondiali. Nel caso specifico, Riot Games aveva già cancellato e posticipato tanti dei suoi eventi, senza però dire nulla sui mondiali di quest’anno che dovevano tenersi in Cina, andando a cambiare addirittura i criteri di accesso dando più spazio alle squadre europee. Nella giornata di ieri però l’organizzazione dei LEC ha fatto sapere che il campionato di League of Legends si dovrà spostare di nuovo a Berlino, data l’emergenza Coronavirus che sta attanagliando in queste settimane la Svezia.

Quindi a partire dalla settimana 1 del Summer Split si tornerà di nuovo negli studi di Berlino per cercare di portare un pò più di normalità all’interno delle competizioni, sopratutto cercando altre strade per condurre questa seconda parte della competizioni nel modo più tranquillo e sicuro possibile. Per aderire alle precauzioni, Riot Games ha in programma di iniziare la produzione con un un personale quasi ridotto all’osso. Ciò significa che utilizzerà solo il numero minimo di personale necessario per mantenere lo spettacolo in modo da non intaccare la godibilità da casa.

Anche i team continueranno a giocare in remoto dalle loro strutture di allenamento, piuttosto che nello studio previsto. Questi sono grandi passi per prevenire la diffusione del virus, sopratutto in ambienti dove si concentrano molte persone. Riot intende aumentare il numero di lavoratori durante l’estate, sopratutto se la pandemia pian piano rientrerà. Sfortunatamente, non è in grado di fornire una sequenza temporale in cui la stampa e i team possano tornare all’interno degli studi.

La buona notizia è che se tutto va bene e i dipendenti sono in grado di lavorare in un ambiente controllato, i fan possono finalmente vedere le loro squadre LEC preferite giocare insieme in studio. Sebbene le speranze siano relativamente alte, Riot è cauta poiché realisticamente la pandemia sta ancora colpendo duramente molti paesi in tutto il mondo. Apprezziamo tantissimo come si stia muovendo Riot Games nelle sue competizioni di League of Legends mettendo al primo posto sia la salute dei giocatori che quella dello staff. Ovviamente noi speriamo di tornare presto a tifare le nostre squadre preferite dal vivo, non solo in Europa ma anche all’interno dei nostri confini nazionali.

Se avete bisogno di un mouse per giocare al vostro titolo preferito, potete trovare il Logitech G300s su Amazon