eSports

L’esercito statunitense inizia a reclutare soldati tramite gli eSport

L’esercito statunitense sta creando un team di videogiocatori all’interno dei propri ranghi per tentare di sviluppare un contatto con i giovani americani all’interno dei mondi digitali nei quali spendono molto del loro tempo. Questo avviene dopo 15 anni dal lancio di “America’s Army”, un videogioco sparatutto in prima persona che cercava di reclutare soldati nel mondo reale.

Si tratta, probabilmente, di una mossa pensata per risolvere i problemi di reclutamento avvenuti quest’anno. L’esercito sta addirittura creando un team per competere negli aventi di CrossFit e sta cercando di aumentare gli incentivi, il numero di reclutatori e sta creando un nuovo slogan.

Rimanendo nell’ambito che più ci interessa e compete, l’esercito ha in programma di utilizzare un grande numero di videogames, secondo quando detto dal Sergente Ryan Meaux, reclutatore dell’esercito, tramite un video pubblicato su Facebook. Presto, inoltre, verranno aperte delle pagine internet che conterranno tutti i dettagli per potersi unire ai team di eSports e fitness.

I membri del team saranno parte del Army’s Marketing and Engagement Team stanziata a Fort Knox e viaggeranno da un’evento all’altro per competere e rappresentare l’esercito intero. L’esercito si occuperà di coprire tutti i costi necessari, è stato detto da Kelli Bland, portavoce del Comando dei reclutatori dell’esercito.

I membri del team svolgeranno un ruolo di supporto per aiutare i giovani a vedere i soldati in una luce differente e capire la molteplicità di importanti ruoli che è possibile ricopre all’interno dell’esercito.

I membri del team di eSport aiuteranno, inoltre, nei test delle app dell’esercito e nell’allenamento tramite i software di simulazione usati per dimostrare la tecnologia dell’esercito. Un altro commento interessante viene da Travis Willimas, riservista dell’esercito e co-fondatore della Military Gaming League, una organizzazione di esport esclusiva per i veterani e gli uomini in servizio.

“I videogiochi possono offrire il luogo corretto [per approcciare i giovani, ndR]. Dopotutto si trovano lì. È naturale.”

Secondo una ricerca di mercato, sono 23 milioni gli americani (principalmente giovani uomini) che fanno parte dell’industria degli eSport: secondo Williams, circa un milione di questi sono uomini in servizio e veterani. Un primo evento, inoltre, è programmato per l’otto dicembre: si tratta di un torneo di Tekken. Il vincitore rappresenterà l’esercito al PAX South a San Antonio.

Uno dei giochi più amati nel mondo degli Esport è sicuramente Overwatch: voi siete dei campioni?