Giochi PC

Metro Exodus, la nostra prova alla MGW 2018

Sin dall'annuncio avvenuto nel corso dell'E3 2017, Metro Exodus ha attirato su di sè non poca attenzione da parte degli appassionati. Terzo capitolo della serie nata dalla penna dello scrittore polacco Dmitry Glukhovsky il gioco promette di soddisfare pienamente sia i fan storici della saga ma, allo stesso tempo, punta a ritagliarsi una nuova fetta di pubblico pronta ad accogliere uno dei titoli più attesi del prossimo anno.

Nel corso della Milan Games Week – vi aspettiamo dal 5 al 7 ottobre al paglione 8 di Rho Fiera Milano – abbiamo avuto nuovamente occasione di mettere le mani su una build che, in poco più di un quarto d'ora, ci permette di analizzare a dovere tutte le caratteristiche del gioco. Ma non perdiamoci in chiacchiere e passiamo subito al dunque: com'è Metro Exodus?

metroexodus 1

Dopo l'ottimo successo ottenuto con 2033 e con Last Light, Metro si appresta ad un ritorno in grande stile con Exodus: il nuovo progetto con cui 4A Games ci catapulta direttamente nell'anno 2036, è ambientato in una Mosca ormai completamente devastata dall'olocausto nucleare avvenuto diversi anni prima e ci mette nei panni del ventireenne Artyom.

Nella primissima fase della demo ci vengono mostrate tutte le meccaniche che andranno a caratterizzare il nostro gioco con focus, in modo particolare, sull'ampia gamma di modifiche che possiamo effettuare sulle nostre armi e sull'avanzata componente farming. Potremo infatti costruire, raccogliendo tutti i materiali su cui riusciremo a mettere le mani, tutto ciò che ci serve per raggiungere l'obiettivo primario: sopravvivere. A tal proposito dovremo fare affidamento sulla furtività che ci permetterà di evitare i nemici troppo ostici ma, ovviemente, saremo liberi di fare fuoco e affrontare gli scontri senza alcuna remora.

Metro Exodus 4K Announce Screenshot 1 NOWATERMARK 2060x1159

Tra gli strumenti a nostra disposizione non mancherà un pratico accendino con cui farci strada, l'indispensabile visore notturno per muoverci nelle sezioni più buie e una maschera antigas che ci salverà la vita più e più volte. Dopo queste direttive ecco finalmente il gioco vero e proprio, che inizia con il nostro protagonista sott'acqua mentre un misterioso personaggio tenta di trarlo in salvo. Si tratta di Olga, che dopo averci rianimati ci darà appuntamento "a più tardi"…

Siamo quindi abbandonati a noi stessi, armati di un fucile a pompa improvvisato e della temibile Khel'sing: una balestra fornita di letali frecce d'acciaio che si rivelerà fondamentale nel corso della nostra avventura. Ci troviamo in quella che appare una fitta zona boscosa dove tutto è andato in rovina, e qui possiamo sin da subito notare uno dei punti di forza di Metro: l'ambientazione.

Angosciante, ansiogena, curata nei minimi dettagli. Un lavoro questo che merita una grandissima menzione d'onore: pochi titoli, infatti, riescono a evocare in maniera così efficace un'atmosfera del genere, e nel momento in cui essa si fonde con lo spettacolare comparto sonoro il tutto è servito.

metro exodus pc 4362

Se l'ambientazione è il punto forte, il gameplay non è da meno e pur non mostrando troppe novità risulta godibile: ricalcando i canoni classici del genere e i caratteri già visti nei precedenti capitoli della serie, Exodus è un'esperienza assolutamente godibile che non mancherà di sorprendervi.

La componente survival, in quanto molto marcata, porterà infatti ad un'immersione pressochè totale del giocatore nel mondo di Metro. Il nostro responso, dunque, è più che positivo: Metro Exodus arriverà su PC, PlayStation 4 e Xbox One il prossimo 22 febbraio e, anche alla luce di questa ulteriore prova, vi consigliamo assolutamente di non perdervelo.


Tom's Consiglia

Potete prenotare la vostra copia di Metro Exodus su Amazon, non fatevelo scappare!