Giochi PC

Minecraft, da gioco a strumento per creare IA

Un team di ricercatori presso i laboratori Microsoft a Cambridge ha sviluppato una nuova piattaforma chiamata AIX. Questo nuovo strumento sfrutta le potenzialità di Minecraft per migliorare le abilità delle intelligenze artificiali, partendo da semplici compiti come camminare alla ricerca di un tesoro e arrivando a quelli complessi come la costruzione di una struttura insieme ad alleati.

L'ideatrice del progetto Katja Hofmann loda il fenomeno creato da Mojang: "Minecraft è la piattaforma perfetta per questo tipo di ricerca, perché è un mondo molto aperto. […] Tutto questo è davvero emozionante per l'intelligenza artificiale perché ci permette di creare giochi che si estendono al di là delle attuali capacità".

AIX Microsoft Research
Alcuni dei computer scientist al lavoro su AIX

I suoi colleghi di New York stanno sfruttando AIX per far scalare una collina a un'intelligenza artificiale all'interno del gioco. "Stiamo cercando di programmarla per farla apprendere, piuttosto che farle svolgere compiti specifici", ha dichiarato Fernando Diaz, un ricercatore senior del progetto.

L'agente muove i suoi passi senza conoscere nulla dell'ambiente esterno, o quali siano gli obiettivi da raggiungere. Ha bisogno di familiarizzare con lo spazio intorno a lui per comprendere cosa sia davvero importante. I tentativi procedono per prove ed errori, tra regolari cadute in fiumi e pozze di lava. L'IA ha necessità di capire, attraverso ricompense incrementali, se ha raggiunto, in tutto o in parte, lo scopo prefissato dai ricercatori.

minecraft

Questa è soltanto una delle possibili applicazioni. La speranza è quella di creare sistemi più complessi. "Siamo alla ricerca di opportunità che possano contribuire ad accelerare il ritmo dell'innovazione nel campo dell'intelligenza artificiale, in modo che si avvicini il più possibile al mondo reale, con esperienze e dati reali", ha concluso Evelyne Viegas, direttrice della divisione Artificial Intelligence Outreach di Microsoft.

La beta chiusa del sistema AIX è già in uso da piccoli gruppi di ricercatori universitari, ma quest'estate la piattaforma dovrebbe fare il suo debutto per tutti con licenza open source. Il software sarà disponibile per Windows, Linux e Mac OS.