Tom's Hardware Italia
Giochi PC

Mordhau è un simulatore di combattimento, ma è diventato un simulatore di razzismo e omofobia

Mordhau è un grande simulatore di combattimenti medievali, ma ormai è divenuto più che altro un simulatore di razzismo e omofobia.

Mordhau è un simulatore di combattimento online medievale nato come fan project. Nessuno si sarebbe mai aspettato che sarebbe diventato un gioco di successo e, probabilmente, non era scontato nemmeno per gli sviluppatori. Fatto sta che Mordhau ha raggiunto un milione di copie su PC. Un grande risultato che però ora è macchiato dalla community e dall’incapacità degli sviluppatori di porre un freno ai comportamenti omofobi e razzisti.

All’interno del forum ufficiale di Mordhau, ad esempio, esiste un thread chiamato “Post your kniggas”, dove vengono pubblicati i personaggi e i loro setup. Il nome è un gioco di parole tra knight (cavaliere) e nigga (di base, significa negro); una scelta infelice che, per quanto pensata in modo scherzoso (“nigga” viene alle volte usato nel senso di “amico”) può risultare comunque offensivo agli occhi di molti. Il fatto che una scelta di questo tipo non sia stata in alcun modo censurata è sintomo anche di un altro problema di Mordhau: la mancanza di moderatori. Come purtroppo accade spesso, qualche battuta non finalizzata all’offesa dà il via a commenti di persone realmente razziste e omofobe, e in questi casi problematici manca il controllo di personale adibito.

Mordhau

Anche la chat di Mordhau è regolarmente cosparsa di insulti razzisti, omofobi e, in generale, di comportamenti tossici. Gli sviluppatori però affermano: “Per quanto riguarda il gioco, in quanto team non lo troviamo razzista od offensivo, e considerando in particolare il contenuto del thread, non lo troviamo scorretto. Capiamo che alcune persone potrebbero interpretarlo in quanto razzista e inappropriato se tolto dal suo contesto.” Alcuni giocatori trovano però la situazione non sostenibile e hanno deciso di abbandonare il gioco.

La verità è che gli sviluppatori non si stanno impegnando nel limitare questi comportamenti; non hanno infatti intenzione di impostare dei blocchi per parole offensive perché ritengono che la community la vedrebbe come una censura e troverebbe comunque un modo per aggirarla. Inoltre, hanno affermato di non voler tenere troppo sotto controllo la community e che preferiscono “dare il potere ai giocatori stessi”. Voi cosa ne pensate?