Nintendo Switch

Nintendo Switch: la class action contro il drift dei Joy-Con è aperta ai proprietari di Switch Lite

I consumatori statunitensi dell’ultima versione di Nintendo Switch, ovvero il Lite, possono ora prendere parte alla class-action contro Nintendo of America, se hanno sofferto del problema del “drifting dei Joy-Con“. Come forse ricorderete, a luglio l’ufficio legale di Chimicles, Schwartz Kriner & Donaldson-Smith ha registrato una class-action contro Nintendo per il famigerato difetto dei Joy-Con.

In pratica, lo stick analogico tende a non posizionarsi al centro e continua a dare un input anche se non viene sollecitato dal giocatore: capirete facilmente che all’interno della maggior parte dei giochi questo sia un problema serio. Molto spesso è impossibile utilizzare un Joy-Con danneggiato in questo modo e si deve per forza sostituirlo o mandarlo in riparazione (scelta tutt’altro che conveniente). Ora, pare che anche la versione Switch Lite soffra di questo problema. La class-action è quindi stata aggiornata con ulteriori lamentele provenienti dagli acquirenti Lite.

Nintendo Switch Lite

Possiamo infatti leggere: “La Switch Lite, secondo sempre più segnalazioni online, è piagata dal problema del “drifting”. Nintendo era a conoscenza della problematica dell’hardware eppure ha deciso di incorporare i joystick nella Switch Lite senza prima risolverla.”

Va sottolineato che Nintendo Switch ha offerto delle riparazioni gratuite, anche se non ha annunciato la cosa in modo chiaro e ufficiale. Inoltre, i Nintendo Switch Lite appena usciti sono tutti sotto garanzia, di conseguenza qualsiasi problema hardware non causato dal giocatore viene riparato a costo zero. In ogni caso, il problema del “drifting” rimane. Voi cosa ne pensate?

Se volete acquistare un Nintendo Switch Lite, lo potete trovare su Amazon a questo indirizzo.