Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Giochi PC

No Man’s Sky NEXT, tra scienza e videogiochi

Pagina 1: No Man’s Sky NEXT, tra scienza e videogiochi

Dopo due anni dall’uscita della sua prima versione, No Man’s Sky di Hello Games è ancora un gioco che fa parlare di sé, sia per le emozioni regalate ai suoi fan che per le promesse mancate rispetto a quello che era il progetto originale.

Nel tempo trascorso dal debutto, tuttavia, il team di Sean Murray si è prodigato per produrre nuovi contenuti, senza abbandonare un titolo partito con il piede sbagliato, e finalmente, il 24 di Luglio (mentre su Xbox ci potremo giocare un po’ prima), ci aspetta No Man’s Sky Next, un update importante soprattutto per mostrare finalmente un multiplayer in linea con quanto promesso durante la campagna marketing del gioco. Come tutti i titoli di fantascienza, No Man’s Sky sfrutta un’ampia serie di concetti – scientifici e non – e noi della rubrica Scienza & Videogiochi abbiamo deciso di approfondirne e studiarne alcuni.

no man's sky
no man's sky cover
No Man's Sky

Appena mettiamo mano al nostro multi-tool per ottenere risorse dall’ambiente circostante, notiamo che esso ci fornisce numerosi diversi oggetti chiamati “Elementi” divisi in varie categorie che analizzeremo: ma prima di tutto…

Che cos’è un elemento?

nms PNG

A livello nanometrico (cioè un milionesimo di millimetro) la materia è costituita da atomi . Un atomo è formato da un nucleo e da alcuni elettroni che si trovano nelle zone attorno al nucleo note come Orbitali: mentre in natura accade relativamente spesso che il numero di questi elettroni cambi, la struttura del nucleo è alterabile solo attraverso reazioni nucleari ben più rare e dunque tendiamo a catalogare gli atomi in base alla struttura dei loro nuclei. Il nucleo di un atomo è costituito da un aggregato di due tipi di particelle: i Protoni sono particelle di carica positiva mentre i Neutroni sono privi di carica elettrica.

I primi, grazie alla loro capacità di attirare gli elettroni, definiscono la maggior parte delle proprietà specifiche di un atomo e il loro numero determina l’elemento dell’atomo. Ad esempio, tutti gli atomi con 7 protoni sono atomi di Azoto: se ne hanno 6 sono di carbonio, se ne hanno 8 sono di Ossigeno. Tuttavia, anche il numero dei neutroni può, in misura minore, determinare le proprietà di un Atomo: le varie forme di un elemento, differenti per numero di neutroni, si dicono isotopi.

1000px NmsResource Periodic Table
KidsPeriodicTable2017

La tavola periodica ci aiuta a tenere ordinati gli elementi a seconda delle proprietà. Risale al 1869 e viene aggiornata quando scopriamo nuovi elementi. A sinistra quella di No Man’s Sky, a destra la più famosa versione originale.

Il Carbonio 12, ad esempio, ha 6 neutroni mentre il carbonio 14 ne ha 8: sono entrambi isotopi del carbonio. Definiti cosa sono elementi e isotopi, vediamo dunque che No Man’s Sky è parzialmente coerente con le definizioni della scienza, in quanto diversi tra gli elementi elencati, esistono realmente, mentre altri sono inventati e/o appaiono come sostanze ben più complesse (come la “carne di cactus”).

Alcuni Elementi sono tuttavia raccolti in categorie piuttosto lontane dalla realtà, per quanto possa esistere una certa logica di fondo: andiamo a vedere quali sono.

Ossidi e Silicati

resource scan

Gli ossidi in No Man’s Sky sono elementi usati per la produzione e la ricarica delle tecnologie difensive: sono Ferro, Zinco e Titanio. Si tratta di tre elementi realmente esistenti in natura, tutti e tre usati per costituire leghe di materiali resistenti come ad esempio gli acciai: il primo e il terzo sono noti per la loro robustezza e il secondo e il terzo per la resistenza alla corrosione. Essi dunque sono piuttosto ben posizionati come elementi legati alle tecnologie protettive, sia contro armi e urti che contro ambienti ostili: tuttavia nessuno dei tre è un ossido.

Un ossido infatti non è un elemento, ma una molecola, un aggregato di particelle legate tramite il potere di attrazione che i nuclei imprimono sugli elettroni degli atomi circostanti. Per capire questo rapporto immaginate di essere attorno a un personaggio famoso di cui siete fan, quando all’improvviso ne appare un altro: parte della vostra attenzione sarà dirottata sul nuovo soggetto e sarete attratti da entrambi. Gli Ossidi in particolare sono molecole che contengono ossigeno: tutti e tre gli elementi di questa categoria presentano in natura ossidi (ad esempio la ruggine è composta da un ossido del ferro).

I Silicati di No Man’s Sky sono elementi utili per la produzione di oggetti tecnologici: il platino, l’iridio e la Crisonite. Mentre quest’ultimo elemento non esiste realmente, gli altri due hanno effettivamente applicazioni importanti anche nel mondo reale, grazie alle loro proprietà elettriche e alla resistenza a vari tipi di corrosione: la lega platino/iridio poi è molto resistente al fenomeno della dilatazione termica ed è dunque stata utilizzata per realizzare il “metro campione”, una barra che viene presa come riferimento per definire quanto sia effettivamente lungo un metro. Ancora una volta però No Man’s Sky erra nel nome della categoria: i Silicati infatti sono cristalli, strutture formate da più atomi (come le molecole) disposti però in strutture geometriche ben definite, ordinate e ripetute.

nms next trailer 3 980x550

I silicati in particolare sono cristalli che presentano una struttura tetraedrica, cioè a forma di piramide a base triangolare, nella quale un atomo di Silicio si trova al centro circondato da quattro atomi di Ossigeno che si trovano sui vertici della piramide. Un’infinità di queste strutture piramidali legate fra loro va a formare aggregati sempre più complessi che danno infine origine a circa il 90% dei minerali e delle rocce che formano il nostro pianeta.

Abbiamo già visto cosa siano gli Isotopi e che dunque, anche per questa ultima distinzione, No Man’s Sky abbondi in licenza poetica: nel gioco sono il Carbonio, il Thamium9 (di invenzione) e il Plutonio. Questi tre elementi vengono usati come carburante: e nella realtà? Ad oggi (purtroppo) molta dell’energia a nostra disposizione viene ancora prodotta tramite due processi: la combustione di sostanze e le reazioni nucleari.