Tom's Hardware Italia
Giochi PC

Notre Dame: Ubisoft finanzia la ricostruzione e regala AC Unity

Notre Dame è in parte distrutta, ma Ubisoft non vuole rimanere in disparte: finanziera parte dei lavori e, inoltre, regala AC Unity per una settimana.

Come sappiamo, Notre Dame è stata danneggiata dalle fiamme. Fortunatamente, secondo le ultime stime, i danni sono meno catastrofici di quanto si pensasse all’inizio, ma molto è andato perso o è stato danneggiato dalle fiamme, dal fumo e dal calore. Il mondo videoludico, in risposta a questa tragedia, ha reso omaggio grazie ad Assassin’s Creed Unity, come vi abbiamo riportato.

Mettendo da parte le finalità ludiche, i fan hanno semplicemente avvia il gioco per ammirare lo splendore di Notre Dame. Pare però che Assassin’s Creed Unity possa essere sfruttato per molto altro. La realizzazione della cattedrale è infatti di altissimo livello e, pare, che le persone che si stanno occupando dei controlli stiano sfruttando il gioco per verificare cosa è venuto a mancare per l’azione del fuoco.

Sicuramente esisteranno fotografie e molti dati sulla struttura di Notre Dame, ma una versione 3D graficamente fedele e liberamente navigabile può essere un utile strumento in più: va specificato, però, che a causa di limiti di copyright non tutti i dettagli della struttura sono stati riprodotti con una fedeltà pari al 100%.

Inoltre, sono stati aggiunti degli elementi necessari a rendere più agevole il gameplay, visto che la possibilità di arrampicarsi un po’ ovunque costringe l’ambiente a essere completamente interagibile e dare accesso a percorsi, tramite appigli ed elementi architettonici, che non sono presenti in originale. Inoltre, la versione del gioco è basata su quella della rivoluzione francese: negli ultimi due secoli e più, ci sono stati dei cambiamenti.

Ubisoft ha inoltre dichiarato che donerà 500.000 euro per aiutare la ricostruzione della cattedrale. Inoltre, per una settimana, regalerà Assassin’s Creed Unity per PC: è possibile scaricarlo su Uplay o dallo Store Ubisoft. Diteci, cosa ne pensate del gesto della società francese?