PlayStation

PlayStation 5: secondo iFixit, i problemi di drifting continueranno a peggiorare

Come probabilmente saprete, in queste ultime settimane il Dualsense di PlayStation 5 è stato al centro di numerose controversie legate a problematiche di drifting che hanno creato non pochi grattacapi al pubblico. Le difficoltà incontrate dai videogiocatori sono state talmente numerose da aver portato a una vera e propria class action attraverso la quale Sony è stata accusata di aver commercializzato il controller pur conoscendone i difetti e di aver sostanzialmente tentato di far desistere i giocatori dal chiedere assistenza per i pezzi difettosi, in particolar modo tramite un susseguirsi interminabile di chiamate preregistrate ed e-mail generate automaticamente che il più delle volte non hanno portato a nessun risultato concreto.

Ebbene, recentemente la situazione è andata complicandosi ancor di più a causa di iFixit, famoso canale Youtube – incentrato sul compiere teardown per verificare la facilità di riparazione dei più famosi dispositivi elettronici in commercio – che ha deciso di smontare un DualSense PlayStation 5 per meglio comprendere a cosa potrebbe essere legato il fenomeno del drifting (che per chi non lo conoscesse, è un effetto legato agli stick analogici, i quali continuano ad inviare input alla console anche quando questi non stanno venendo utilizzati dal giocatore), di fatto scoprendo che la situazione è particolarmente grave e che andrà solo peggiorando con il passare del tempo.

Andando più nello specifico, anche iFixit sembra concordare sul fatto che Sony fosse già a conoscenza del problema, visto che l’azienda dietro la realizzazione dei DualSense è la stessa che si occupò di costruire i DualShock PlayStation 4, i quali hanno in più occasioni presentato lo stesso identico problema di drifting. L’azienda che sta dietro alla produzione dei controller PlayStation 5 ha infatti identificato degli standard di durata ben delineati per gli stick analogici, ma a quanto pare un uso medio/intenso del pad porterebbe a una ben più veloce usura di quest’ultimo.

Come se ciò non fosse già abbastanza, iFixit ha messo in mostra anche non poca preoccupazione per ciò che concerne le riparazioni dei DualSense. Le varie componenti interne del controller PlayStation 5 sono infatti saldate tra loro, il che implica una certa difficoltà nel cambiare singoli pezzi che dovessero essersi usurati. A seguito di quanto evidenziato, molti hanno nuovamente puntato il dito contro Sony, ipotizzando che le numerose azioni messe in atto per “aggirare” le richieste di riparazione dei pad siano legate proprio a una difficoltà da parte della stessa società nipponica di porre rimedio al danno se non tramite sostituzione del DualSense, una situazione che potrebbe rivelarsi particolarmente dispendiosa per la compagnia.

Se non vedete l’ora di lanciarvi nella Next-Gen, vi consigliamo di tenere sotto controllo Amazon, dove le nuove console dovrebbero tornare presto disponibili.