Giochi PC

Problemi con Diablo III, Blizzard si scusa con i videogiocatori

Blizzard si è scusata con i milioni di videogiocatori che stanno sperimentando problemi nel giocare a Diablo III in multiplayer. Ve ne abbiamo dato conto ieri, e al momento sembra che la situazione stia progressivamente migliorando. 

La Casa d’Aste in cui sarà possibile spendere denaro reale rimarrà tuttavia chiusa ancora per qualche tempo. “Ci dispiace sinceramente che la vostra crociata per abbattere il Signore del Terrore sia stata ostacolato non da orde di demoni, ma da infrastrutture mortali”, ha ironizzato la software house, cercando di rendere meno amara la situazione.

“Come molti di voi sapranno, problemi tecnici che si sono verificati a poche ore dal debutto del gioco vi hanno portato a incappare in messaggi di errore e difficoltà di collegamento. Questi problemi si sono ripresentati di nuovo recentemente sui server statunitensi ed europei. Nonostante le proiezioni, i preparativi per sostenere l’impatto del debutto del gioco non stati sufficienti”.

Blizzard ha dichiarato che sta monitorando il gioco ogni minuto e ha applicato ottimizzazioni per aiutare i sistemi a sopportare il carico degli appassionati. “Stiamo continuando a monitorare le prestazioni globali e metteremo in campo altre misure per assicurare un’esperienza positiva a tutti. Tra queste ci sono alcune operazioni di manutenzione per implementare i miglioramenti per ogni area”.

###old1165###old

“Per assicurarci che tutto continui a funzionare come dovrebbe, abbiamo deciso di spostare la data del debutto della Casa d’Aste con soldi reali, fissata inizialmente per il 22 maggio. Offriremo maggiori dettagli a breve”.

“Oltre all’enorme numero di giocatori che accedono contemporaneamente al gioco, uno dei problemi del servizio nei giorni del lancio era collegato al sistema di achievement. Alcuni giocatori hanno iniziato a notare che i loro achievement non erano stati ottenuti correttamente o non venivano salvati dopo diversi login. Stiamo esaminando il problema e forniremo un aggiornamento specifico il più presto possibile”.