Tom's Hardware Italia
Nintendo Switch

Provato Super Smash Bros. Ultimate all’E3 2018

Super Smash Bros. Ultimate fu la "bomba" sganciata da Nintendo durante il Direct dello scorso 8 Marzo. Un breve teaser che, introducendo gli Inkling di Splatoon nel roster del celebre picchiaduro del colosso di Kyoto, fu in grado di monopolizzare il web per settimane fra speculazioni di varia natura e "video-reaction" dei fan di tutto il […]

Super Smash Bros. Ultimate fu la "bomba" sganciata da Nintendo durante il Direct dello scorso 8 Marzo. Un breve teaser che, introducendo gli Inkling di Splatoon nel roster del celebre picchiaduro del colosso di Kyoto, fu in grado di monopolizzare il web per settimane fra speculazioni di varia natura e "video-reaction" dei fan di tutto il mondo. Finalmente, all'E3 2018, siamo riusciti a provare con mano il nuovo peso massimo di Nintendo Switch e, finalmente, a comprendere le motivazioni per cui la "Grande N" ha deciso di dedicare metà del suo ultimo Direct a questa dichiarazione d'amore per i fan del brand.

La nascita di una Leggenda

Sviluppato a quattro mani da Hal Laboratory Inc. e Nintendo, Super Smash Bros fece il suo timido esordio nel 1999 su Nintendo 64. Con un budget ridotto all'osso e una distribuzione inizialmente prevista per il solo suolo orientale, il titolo si poneva come un'opera di puro fan service che provava, con un gameplay ricolmo di "Nintendo Difference", a seguire il filone dei picchiaduro crossover quali Marvel Vs. Capcom o Ehrgeiz. La presenza di icone della storia videoludica, unita alla commistione di elementi da Party Game alle meccaniche classiche dei Brawler, trasformò il titolo in un successo inaspettato, al punto da convincere Nintendo a espanderne la distribuzione anche in altri territori e a investire un budget maggiore per un sequel. Così, nel 2001, sulle sponde del potente GameCube, approda il mitico Super Smash Bros. Melee che, grazie a nuove modalità, un gameplay più affinato, un roster esteso e una bilanciamento al pari della perfezione, diventò un vero e  proprio "system seller". Le oltre sette milioni di copie vendute, infatti, non solo trainarono mostruosamente le vendite del piccolo "cubetto" di Nintendo ma resero il titolo uno dei brand di punta del colosso di Kyoto, iniziando un lungo viaggio che il 7 dicembre 2018, a distanza di 19 anni, vedrà il suo esponente massimo in Super Smash Bros. Ultimate.

Schermata 2018 06 15 alle 03 56 20

STRUMENTI D'ALTRI TEMPI

Non si può parlare di Smash Bros senza citare l'iconico controller del Nintendo GameCube, che da anni segue la scena competitiva venendo riproposto a ogni nuova edizione del titolo. Grazie a un bottone perfettamente centrato, e facilmente raggiungibile sia da X che da Y attraverso un movimento di pochi millimetri, la massimizzazione, e rapidità di esecuzione, delle combo aeree non ha eguali. Un dorsale che permette prese istantanee, l'iconico c-stick, perfetto per eseguire le mosse direzionate, e un grip perfetto, inoltre, lo hanno reso il pad perfetto per gli amanti di Smash Bros. Non stupisce, quindi, l'annuncio di Nintendo di renderlo nuovamente disponibile (questa volta dotandolo di un connettore USB-C) insieme alla release del nuovo capitolo. 

61mc5pZYyBL  SX425

Ritorno al Futuro

Super Smash Bros. Ultimate si appresta, come più volte affermato da Nintendo stessa, a essere il più grosso cross-over della storia dei videogiochi, oltre al massimo esponente della celebre saga di Brawler del colosso di Kyoto. Con questi punti fermi in mente, e tristemente sprovvisti di un controller per GameCube, abbiamo iniziato la nostra prova all'E3 di Los Angeles, cercando di comprendere se ci trovassimo di fronte a una versione migliorata, ed estesa, del precedente capitolo per Wii U o se fossimo dinnanzi a una, vera e propria, nuova iterazione del brand. Accantonando per un attimo la moltitudine di personaggi presentati durante il Direct, e volendo soffermarci sul gameplay, possiamo affermare tranquillamente che le migliorie, pur non innovando le meccaniche già consolidate, sono molteplici e molte di esse risiedono in un certosino lavoro di limature effettuate sul sistema di controllo per bilanciare al meglio l'immenso roster a disposizione. Joy-Con alla mano i 60 fps granitici, confermati anche in modalità portatile, ci hanno garantito un input sempre preciso e altamente reattivo. Dopo pochi secondi, per abituarci alle dimensioni dei due pad di Nintendo Switch, abbiamo percepito la modifica più sostanziale, e evidente: un aumento dei frame di animazione quando si effettua una serie di schivate in rapida successione. Questo semplicissimo "escamotage" corregge una delle criticità del precedente capitolo rendendo meno efficaci i dodge e richiedendo un'azione più ragionata, varia e meno istintiva.

Un trattamento analogo e stato riservato agli attacchi eseguiti a mezz'aria che ora sono di più facile esecuzione, richiedendo una buona padronanza delle schivate aeree da parte dell'avversario che, contestualmente alle modifiche al dodge, non potrà abusarne sovente. E questo è solo un piccolo esempio di come sia stato rifinito minuziosamente il gameplay di Super Smah Bros. Ultimate che si è rivelato in grado di restituire al giocatore un feeling confortevole e familiare, sorprendendolo costantemente con delle implementazioni inaspettate e un'estrema cura del dettaglio. Il modo migliore per comprendere appieno la profondità del lavoro di limatura e perfezionamento, eseguito da Nintendo, rimarrà il testare combattenti vecchi e nuovi per poter notare tutte le maniacali modifiche inserite per bilanciare e snellire l'azione di gioco.

super smash bros  ultimate 2 jpg 1400x0 q85
super smash bros  ultimate 3 jpg 1400x0 q85
super smash bros  ultimate 4 jpg 1400x0 q85

Una formazione Antologica

Il roster di Super Smash Bros. Ultimate si pone come il più grosso mai visto in un gioco di lotta, nonché come una gigantesca antologia di tutti i celebri esponenti che hanno calcato, anche solo una volta, il territorio del Brawler di Nintendo. Fra nuove leve, quali gli Inkling di Splatoon o la storica principessa Daisy, e vecchie glorie come Sonic o Ryu di Street Fighter, la mole di personaggi presenti è davvero impressionante così come l'attenzione ai dettagli con cui sono state curate le varianti di tutti i combattenti per renderle non delle mere re-skin bensì dei lottatori con caratteristiche peculiari. Le molteplici versioni di Link ne potrebbero essere l'esempio più evidente, mostrando mosse univoche che si ispireranno al gioco di appartenenza della variante scelta. A questo esempio si aggiungono moltissime "chicche" non mostrate durante il lunghissimo Direct e che richiederebbero paragrafi interi per essere elencate. Per riassumerla brevemente possiamo dirvi che ognuno dei personaggi testati all'E3 ci ha rapito qualche secondo grazie a un fan service in grado di strappare un sorriso infantile anche a chi non è cresciuto a pane e titoli Nintendo.

articolo 72209 1280x16

AMIIBO… AMIIBO OVUNQUE!

Che il precedente Super Smash Bros. sia stato un mero espediente per invadere il mercato con le tanto bramate statuette di Nintendo è oramai un dato di fatto, così com'era prevedibile la totale compatibilità con tutti gli Amiibo, finora prodotti all'interno di Ultimate. Quello che, forse, non sapete è che Nintendo ha deciso di celebrare l'uscita del suo nuovo Brawler ristampando tutti gli Amiibo usciti negli anni passati, rendendoli nuovamente disponibili a chi non fosse riuscito ad accaparrarseli. Al momento questa riedizione è stata annunciata solo per il suolo giapponese ma siamo abbastanza certi che, con l'avvicinarsi dell'uscita del gioco, diverrà disponibile anche nello store europeo.  

H2x1 Amiibo main image1600w

Nuovi Amici e Vecchi Nemici

In tutto questo marasma di nuovi Pokémon di supporto, stage ispirati dagli ultimi giochi usciti per Switch e ogni sorta di oggetto iconico legato all'universo Nintendo, tre annunci dedicati a Super Smash Bros. Ultimate hanno innescato il clamore dei fan di tutto il mondo: l'ingiustificata assenza di WaLuigi come personaggio giocabile (relegato a mero personaggio di supporto), l'arrivo del tanto amato Ridley (la nemesi per eccellenza di Samus Aran) e il ritorno di una vecchia nemesi di molti giocatori del Brawler di Nintendo, Solid Snake.

Se in merito a Ridley, il colosso di Kyoto ha più volte confermato un attento bilanciamento per non rendere le dimensioni del personaggio un elemento atto a incirnare le dinamiche di gioco, il ritorno di Solid Snake, e la possibilità di provarlo all'E3 di Los Angeles, hanno comprovato la bontà di un gameplay che, nel corso degli anni, è maturato al punto da rasentare la perfezione. Il move set di Snake è tornato, adeguatamente rifinito nelle animazioni, come in molti lo ricorderanno ma la celebre macchina di morte di Super Smash Bros. Brawl risulta ora meno letale. Durante il nostro test, infatti, ci siamo resi conto di come le molteplici aggiunte al gameplay inserite da quel lontano 2001 a oggi rendano meno imponenti molti degli attacchi che in passato risultavano ostici da controbattere, dimostrando ancora una volta l'estrema attenzione al bilanciamento, tanto decantata da Nintendo.

Schermata 2018 06 15 alle 05 48 45
Al grido di "Nintendo Nerfed Snake", una nuova campagna virale sta spopolando in questi giorni. Il motivo dello scandalo? Il fatto che in Super Smash Bros. Ultimate il "fondoschiena di Snake sia meno sexy e definito che in passato.

Prime impressioni

Super Smash Bros. Ultimate si è rivelato essere potenziale System Seller in grado di omaggiare degnamente i quasi vent'anni del celebre Brawler targato Nintendo. Al termine della nostra prova all'E3 2018, abbiamo lasciato lo stand con moltissime certezze e pochi dubbi su come sarà il prodotto finale. Tutte le caratteristiche che hanno reso celebre Smash Bros. sono presenti in Ultimate adornate da una cura dei dettagli e una rifinitura del gameplay che lo renderanno un titolo in grado di accompagnare Switch in tutto il suo ciclo vitale. Un roster di 65 personaggi, un ventaglio di modalità di gioco enorme e le "scontate" sorprese che Nintendo ci riserverà prima del lancio, basterebbero già fin da subito a decretarne il successo. Resterà da analizzare attentamente il bilanciamento del gameplay con un numero così elevato di personaggi e come Nintendo intenderà supportare il titolo post lancio… ma al momento attendiamo solamente che arrivi il prossimo 7 dicembre.

super smash bros ultimate e32018 07 jpg 1400x0 q85
super smash bros ultimate e32018 06 jpg 1400x0 q85
super smash bros ultimate e32018 10 jpg 1400x0 q85

Tom's Consiglia

Se avete a disposizione un Nintendo 3DS, perchè non arrivare preparati al prossimo 7 dicembre allenandovi con Super Smash Bros. ?