PlayStation

PS5 e Xbox: gli 80€ non saranno lo standard, Pachter rassicura

Manca sempre meno tempo all’arrivo delle console di prossima generazione e noi, come voi del resto, siamo eccitati all’idea di testarle con mano soprattutto dopo aver visto le dashboard a confronto. Nonostante l’emozione generale sia palpabile c’è una cosa che da ormai diversi mesi sta facendo storcere il naso, vale a dire il prezzo dei giochi. Nonostante abbiamo visto giusto una decina di titoli di punta, chiunque ha notato che alcuni publisher hanno deciso di aumentare il prezzo fino ad 80€. Take Two è stato il primo aumentando il costo del suo NBA 2K21, ma anche la stessa Sony ha rivelato che i prezzi dei titoli in uscita (inizialmente) durante la prima parte di vita di PS5 potevano ricevere un rincaro.

Molti videogiocatori hanno inteso quindi che il costo dei titoli standard avesse subito un aumento del costo di 10€, portando di conseguenza malumore tra il pubblico. Secondo il famoso analista del settore, tale Michael Patcher, questo non è affatto certo. Durante una intervista alla testata GamingBolt, Patcher ha suggerito che i pochi casi di rincaro da parte di alcuni editori non indicano necessariamente l’inizio di una tendenza nel settore e che gli aumenti dei prezzi dipenderanno invece dall’MSRP (prezzo al dettaglio consigliato dal produttore) della console per i giochi e possessori di piattaforme. “Microsoft è stata abbastanza chiara con il suo Smart Delivery visto che sarà gratuito per gli aggiornamenti da current console a next gen. Quindi, a meno che l’azienda statunitense non aumenti il costo dei titoli di questa generazione a 80€, i giochi della next gen non possono necessariamente avere tutti un prezzo così alto.” Ha detto Patcher.

Sony e Microsoft

Secondo l’analista infatti parrebbe stupido aumentare di 10€ il costo dei giochi in quanto le aziende non suggeriscono un prezzo di listino di 80€. Questa questione in sintesi potrebbe andare avanti per anni, ad oggi sembrerebbe quindi un caso che i primi titoli della next gen abbiano subito un rincaro e che quindi con il tempo il prezzo possa assestarsi a quello che ci ha abituati. Vedremo in futuro che cosa succederà realmente, ma Patcher pare abbia deciso di schierarsi e mettersi nei panni dei videogiocatori.

Cosa ne pensate di questa notizia? Siete d’accordo con quello che ha detto Michael Patcher? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto nella sezione dedicata. Come sempre vi invitiamo a rimanere sintonizzati per tutte le novità ed informazioni riguardanti le console di prossima generazione in arrivo rispettivamente il prossimo 10 (Xbox Series X) e 19 (PS5) novembre.

A questo indirizzo Amazon potete prenotare Xbox Series X, mentre a questo potete monitorare ed eventualmente prenotare PS5.