PlayStation

PS5 e Xbox Series X: i 60 FPS non saranno uno standard, per gli sviluppatori di The Sinking City

Nei mesi scorsi abbiamo cominciato a conoscere meglio le architetture di PS5 e Xbox Series X, scoprendo che si tratta di due approcci molto differenti. Molti team di sviluppo hanno già discusso riguardo a ciò che conosciamo riguardo alle due consolle next gen, e svariati di essi hanno voluto sottolineare come le due macchine sapranno far fare ai team un grande passo in avanti in termini di sviluppo.

A questo proposito si sono pronunciati anche i ragazzi di Frogwares, studio di sviluppo del recente The Sinking City e degli ultimi titoli dedicati a Sherlock Holmes. In una recente intervista con la redazione di Wccftech, il community manager del team ucraino Sergey Oganesyan, ha parlato di PS5 e Xbox Series X. Dopo aver commentato gli SSD di entrambe le console, che definisce come “un salvavita e tempo” è passato a discutere sulle prestazioni, che secondo lui potrebbero non arrivare al punto in cui i 60 FPS diventeranno lo standard della generazione.

playstation 5 e xbox series x

“Penso che sempre più sviluppatori offriranno ai giocatori una scelta tra la risoluzione e il framerate”, ha dichiarato Oganesyan. “Spero personalmente che i 60 FPS diventino lo standard per questa nuova generazione, ma il lavoro di ottimizzazione non sarà così semplice da effettuare, soprattutto per gli studi più piccoli.”

Infine, Oganesyan ha anche voluto sottolineare che probabilmente non vedremo dei salti generazionali troppo significativi nei giochi dei primi anni della prossima generazione, specialmente perché la maggior parte degli sviluppatori e degli editori deciderà di pubblicare tuttili cross generazionali sia su next gen che sulle console di attuale generazione. Cosa ne pensate delle ultime dichiarazioni del team di The Sinking City?

Se siete amanti dei giochi investigativi e dei racconti di Lovecraft, potete acquistare The Sinking City su Amazon a questo indirizzo.