Giochi PC

Rainbow Six Siege, anteprima della nuova Operation Steel Wave

Rainbow Six Siege si aggiorna con la nuova Operation Steel Wave! Si tratta della seconda grande espansione dell’Anno 5 del celebre FPS tattico targato Ubisoft, che ci ha dato la possibilità di provare la nuova operazione prima del suo arrivo pubblico sul Test Server. Steel Wave porterà con sè tante piccole e grandi innovazioni che modificheranno ancora una volta le strategie e il meta del titolo: si tratta, inoltre, di una Stagione piuttosto importante, poichè sarà l’ultima che introdurrà due nuovi Operatori. A partire dalla Stagione 3 Anno 5, dunque, Ubisoft si concentrerà ad implementare un solo Operatore per ogni nuovo aggiornamento, così da far spazio alle modifiche e al rework di alcuni operatori già presenti (vedi Tachanka), oltre a modifiche importanti al sistema di gameplay di Rainbow Six Siege. A causa di alcune problematiche scaturite dallo smart working per il coronavirus, le due features del map ban e del match replay non verranno ancora introdotte, in quanto sono attualmente in fase di testing. Dopo questa introduzione, veniamo ora alle novità e ai cambiamenti introdotti con Operation Steel Wave.

Nuovi operatori: Ace e Melusi

Partiamo dai due nuovi operatori: il team Rainbow amplia il proprio rooster di specialisti aggiungendo un nuovo attaccante dalla Norvegia e un difensore proveniente dal Sud Africa. Le possibilità di penetrare e distruggere le pareti rinforzate degli obiettivi si ampliano con l’arrivo di Ace, nuovo membro del team facente parte dell’Organizzazione NightHaven, di cui fanno parte anche Kali e Wamai, gli operatori introdotti con Operation Shifting Tides. Ace è un personaggio dal carattere altruista e generoso, volenteroso di fornire aiuto ai bisognosi e alle persone in pericolo, ed è per questo che ha deciso di unirsi dapprima alle forze di soccorso norvegesi, per poi entrare a far parte del team Rainbow. Sarà dotato di un AK-12 munito di mirino ACOG tradizionale, un fucile a canna liscia semiautomatico M1014 e una pistola P9, assieme alle cariche da irruzione e alle granate fumogene.

Ace è un attaccante dotato di 2 punti di velocità e 2 punti di corazza, e la sua abilità caratteristica è la carica S.E.L.M.A Aqua: si presenta sotto forma di un piccolo contenitore di colore arancione, che, una volta lanciato su una superficie distruttibile, si aprirà rilasciando una striscia ad X di carica idraulica che distruggerà la superficie su cui è stata lanciata. È un’abilità alquanto particolare, perchè non richiede la pressione di un tasto per attivarla, come avviene solitamente con le comuni cariche da irruzione, e inoltre, se piazzata adeguatamente, darà origine ad un’esplosione sequenziale, andando ad espandersi sulla superficie sottostante fino ad un totale di 3 esplosioni. Come potete ben intuire, si tratta del connubio perfetto tra l’abilità di Thermite e quella di Hibana.

Data la sua natura altruista, lo scopo di Ace è quello di distruggere ciò che deve per arrivare al suo obiettivo, limitando però i danni collaterali, ed è per questo motivo che le sue cariche S.E.L.M.A. infliggeranno pochissimo danno agli avversari: ciò permette ad un difensore di appostarsi lì dove è stata piazzata la carica, approfittando dell’esplosione per cogliere di sorpresa Ace e tutti gli attaccanti al di là della parete. Le cariche S.E.L.M.A. potranno anche essere utilizzate per distruggere le botole, ma le superfici orizzontali non daranno origine ad una esplosione sequenziale, ed è per questo motivo che per distruggere una botola rinforzata bisogna utilizzare 2 delle 3 cariche a sua disposizione. La sua abilità, inoltre, potrà essere utilizzata anche per eliminare i gadget secondari dei difensori, come scudi mobili e fili spinati. Tuttavia, non abbiate paura, perchè Ace avrà i suoi counter, come tutti gli altri hard breacher presenti: le cariche dell’attaccante potranno essere distrutte dai dispositivi di Bandit e Kaid, oltre che intercettate ed eliminate dagli ADS di Jager e dai Mag-Net di Wamai. Anche Mute fungerà da counter per Ace, poichè il suo Jammer bloccherà la sequenza di scoppio delle S.E.L.M.A; se il Jammer di Mute verrà distrutto però, la sequenza di detonazione riprenderà dal punto in cui è stata interrotta.

Cambiamo squadra e passiamo dalla parte dei difensori, così da analizzare Melusi: lei è il nuovo difensore di Rainbow Six Siege proveniente dal Sud Africa, cresciuta in una riserva naturale e da sempre impegnata nella lotta al bracconaggio. Si tratta di un’operatrice dotata di 3 punti di velocità e uno di corazza, dotata della mitraglietta T-5 di Lesion e del fucile a canna liscia semiautomatico Super 90 di Frost, e come pistola ha a disposizione la RG-15 degli operatori polacchi. La sua abilità è davvero interessante, ed è definibile come una “evoluzione” del filo spinato: parliamo del Banshee, un gadget che rallenterà gli spostamenti di tutti gli attaccanti che passano nel suo raggio d’azione, e di cui Melusi ne ha a disposizione 3 per coprire più punti della mappa. Come ci hanno spiegato i membri di Ubisoft, l’utilizzo di Melusi in difesa è strettamente legato al limitare ed ostacolare le possibilità di push verso l’obiettivo, oltre alla raccolta di informazioni sulla posizione degli avversari, grazie al suono che emette una volta attivato.

Il Banshee potrà essere applicato sia alle superfici orizzontali che verticali, proprio come le telecamere di Maestro e gli ADS di Jager. Una volta entrati nel suo raggio d’azione, il Banshee si attiverà emettendo delle onde elettromagnetiche e un allarme sonoro, che limitano i movimenti degli attaccanti ma senza influire sulla possibilità di muovere la visuale alla stessa velocità, come avviene ad esempio una volta storditi dalle mine di Ela. Anche Melusi potrà essere counterata come si deve, con i modi giusti: il suo Banshee è antiproiettile, e questo significa che non potrà essere distrutto semplicemente sparandogli. In soccorso giungono tutti gli operatori dotati di esplosivi come Ash, Zofia e Kali, oltre alla possibilità di poter essere distrutto con un attacco corpo a corpo. Le granate EMP di Thatcher e le scariche del drone di Twitch, oltretutto, serviranno a mettere temporaneamente fuori uso il Banshee per circa 10-12 secondi, ma i counter del nuovo difensore non finiscono qui. Ricevendo una Botta di Adrenalina da Finka, gli effetti del gadget verranno annullati in parte e tutti gli operatori coinvolti nel suo raggio potranno muoversi leggermente più veloce.

Rework della mappa Casa

Passiamo ora al rework della mappa Casa, storica mappa di Rainbow Six Siege presente fin dagli albori del gioco. Il rework è stato anticipato già durante il reveal di Operation Void Edge, ed ecco che pochi mesi dopo è giunto tra noi: con questo rework, le dimensioni della mappa sono aumentate di circa il doppio, ma al tempo stesso, posso garantire che tutti coloro che conoscono per filo e per segno la mappa non si troveranno affatto disorientati: l’obiettivo di Ubisoft, infatti, era quello di migliorare la navigabilità della mappa, eliminando alcuni oggetti o aree che potevano essere fonte di intralcio durante le partite senza comprometterne la familiarità. Cosa più importante, Casa rimarrà, almeno per ora, una mappa dedicata alle sole partite casual, pertanto non sarà disponibile nell’ambito competitive/partite classificate. Contemporanemante, sono state aggiunte nuove aree e nuovi connectors; vediamoli insieme nel dettaglio!

Iniziamo con l’esterno: come potete notare nelle immagini sovrastanti, e come è già stato mostrato durante la prima presentazione del rework durante il reveal di Operation Void Edge, l’ingresso della casa che dava sullo spawn “Costruzioni” è stato eliminato, assieme ad uno dei due muri rinforzabili del garage. La prima versione della mappa possedeva molti più punti di accesso per le zone interne, molti dei quali sono stati eliminati col rework, e al contempo ne sono stati creati di nuovi al secondo piano dell’abitazione; nell’immagine sottostante, invece, potete notare la nuova casa sull’albero, che permette ancora ai cecchini attacanti di controllare il corridoio al piano superiore, in attesa di qualche roamer di passaggio.

L’ingresso che dà sullo spawn APC è stato ampliato con l’inserimento di una nuova stanza: se nella precedente versione di Casa l’ingresso dava direttamente sulle scale per il piano inferiore e superiore, il soggiorno e la cucina, ora ci troviamo immersi in una stanza musicale, addobbata con strumenti, jukebox e pianoforte. La struttura rimarrà familiare a tutti coloro che conoscono bene la mappa, poichè difatti, se ci dirigiamo alla destra dell’ingresso della stanza, troveremo ancora una versione rielaborata della cucina, mentre di fronte all’ingresso ci sarà ancora il soggiorno ad aspettarci.

Come anticipato poco fa, l’ingresso sull’atrio principale è stato eliminato, così come il grande finestrone che dava sull’esterno, rimpiazzato ora da un nuovo corridoio che collega il bagno alla nuova stanza dei bambini.

Saliamo ora al secondo piano, la zona della mappa che tra tutte è stata quella più rinnovata, e partiamo con la camera dei bambini: quante volte, quando Casa faceva parte delle mappe giocabili in classificata, sono volate imprecazioni di ogni tipo perchè qualche teammate rinforzava tutti i muri, così da trasformare l’obiettivo in una trappola mortale alla mercé degli attaccanti? Bene, da ora quei ricordi sono solo un brutto incubo, poichè la camera dei bambini è stata rimpicciolita e collegata ad una nuova stanza sul retro, denominata Stanza dei giochi e che a sua volta porta ad una nuova area, chiama Stanza lettura.

Andiamo ora nella nuova Stanza rosa, che ha sostituito il precedente Cantiere dopo ben 4 anni di lavori, passando dal nuovo connector: nulla di particolare, si tratta di un semplice corridoio che collega il bagno alla nuova area e che ha sostituito il precedente “davanzale” che si trovava sotto la finestra in atrio. La nuova Stanza rosa è davvero apprezzabile, piuttosto larga e dotata di un piccolo stanzino fatto di mura distruttibili. Trattandosi di un obiettivo nella modalità Bomba, dentro lo stanzino troveremo sicuramente Mira a proteggere la stanza con i suoi Specchi neri.

Questo sono tutti i cambiamenti e le nuove aree più importanti apportati con il rework della mappa Casa. Il piano seminterrato, quello formato dal garage e dalla palestra, è pressochè identico al precedente, fatta eccezione per qualche nuovo corridoio che collega le varie aree, ed è per questo motivo che è stato omesso dalla descrizione della mappa. Spostiamoci ulteriormente verso un altro cambiamento che verrà introdotto in Operation Steel Wave, una modifica ad un operatore tra i meno utilizzati di tutti, Amaru. L’operatrice peruviana fece il suo ingresso nel team Rainbow con Operation Ember Rise, e Ubisoft, notando il suo scarso pick rate a causa delle difficoltà riscontrate con l’utilizzo della sua abilità, ha deciso di apportare delle modifiche davvero significative, che daranno una chance di scelta in più ad Amaru.

Il buff di Amaru

Con l’arrivo di Operation Steel Wave in Rainbow Six Siege, l’Uncino Garra di Amaru riceverà un buff: con i cambiamenti della nuova Stagione, è stato diminuito il tempo di transizione tra l’Uncino e l’arma. D’ora in poi, quindi, le animazioni di cambio tra utilizzo del rampino e arma sono state velocizzate, cosicchè Amaru possa prendere alla sprovvista più facilmente i difensori, ma i cambiamenti all’operatrice non sono finiti qui; uno dei punti deboli di Amaru è anche il rumore che provoca quando ella si lancia in una finestra, distruggendola non appena gli uncini del rampino facevano presa sulle superfici. In questo modo, i difensori riuscivano a prevedere le mosse dell’attaccante e ad eliminarla non appena metteva piede nell’edificio. Ebbene, in Steel Wave Amaru distruggerà le finestre poco prima di avvicinarvisi, provocando anche meno rumore durante il riavvolgimento del Garra. Anche la mobilità tra un piano e l’altra è stata aumentata, permettendo all’operatrice di sfondare le botole non rinforzate senza l’ausilio di esplosivi o fucili a pompa.

Nuovo Gadget: allarme di prossimità

L’allarme di prossimità è finalmente arrivato tra i gadget a disposizione dei difensori, dopo esser stato rivelato già da parecchio tempo. Si tratta di un piccolo dispositivo in dotazione a pochi difensori per il momento (tra cui Rook, Tachanka, Wamai, Mira e Caveira), il cui scopo è segnalare la posizione dei nemici emettendo un suono davvero acuto, udibile in ogni parte della mappa in cui si sta giocando. Il suo raggio d’azione è molto limitato, capace a malapena di coprire un corridoio, ma in compenso il suono che emette darà l’allarme a tutti i difensori: per usarlo al meglio, vi consiglio di nasconderlo al riparo da occhi indiscreti, ma fate attenzione, poichè se la sua area di azione sarà ostacolata da un oggetto vicino (ad esempio nascondendo l’allarme dietro ad un vaso), il gadget non verrà attivato.

Conclusioni: piccoli cambiamenti e novità

Concludiamo l’anteprima di Operation Steel Wave di Rainbow Six Siege citando alcune chicche che verranno introdotte con la Stagione 2 dell’Anno 5. Durante la riunione di presentazione della nuova Stagione, i membri di Ubisoft presenti ci hanno mostrato delle novità per la personalizzazione delle armi: sarà possibile, infatti, modificare i colori dei silenziatori e dei mirini ACOG e olografici (di cui purtroppo non abbiamo a disposizione le immagini perchè si tratta di elementi sbloccabili) iniziando con tre colori base, nero, beige e grigio chiaro, dopo i quali ne verranno inseriti di nuovi. Passando ai cambiamenti, la pistola P226 di Kali è stata sostituita con la mitraglietta SPSMG di Clash, dando all’attaccante più possibilità di sopravvivenza all’interno degli spazi chiusi, mentre il difensore Echo ha perso il suo scudo mobile, rimpiazzato con le granate a impatto. Parliamo poi delle modifiche al matchmaking rating system, che è stato anch’esso modificato e unificato; dalla prossima Stagione non sarà più possibile cambiare server per ripristinare il proprio grado, e ne consegue che, se un giocatore europeo è di grado diamante nei server europei, sarà diamante anche nei server americani o asiatici. Questo è tutto per quanto riguarda la nuova Operazione, spero vi piaccia come è piaciuta al sottoscritto: vi garantisco che, grazie ai due nuovi operatori, le tattiche di attacco e di difesa si amplieranno e tramuteranno nuovamente. Trovo parecchio interessanti sia Ace che Melusi, perchè le loro abilità daranno origine ad un nuovo meta. Per finire, vi invito a scrivere nei commenti cosa ve ne pare di questa anteprima: siete interessati alla nuova Stagione di Rainbow Six Siege?

Non è mai troppo tardi per iniziare a giocare a Rainbow Six Siege: di seguito, troverete i link per l’acquisto della versione PS4, della versione per Xbox One e per PC.