PlayStation 4

Recensione Titan Quest, lasciamo in pace i Titani

Titan Quest

 

Titan Quest, dopo l'Anniversary Edition su PC, è ritornato in auge, stavolta con un porting per console. Pronti a tornare (di nuovo) nell'Antica Grecia, Egitto ed Estremo Oriente a combattere demoni e mostri?

Titan Quest


All'incirca dodici anni fa faceva la sua comparsa Titan Quest, un action RPG con visuale dall'alto che cercava di diventare una valida alternativa alla serie hack 'n' slash Diablo.

Complice un periodo di magra per il genere, il titolo di Iron Lore fu accolto più che discretamente da giocatori e stampa speciallizata. Grazie alla maggiore enfasi sul lato narrativo, unito a nemici e ambientazioni sempre più d'impatto, che vanno dalla Grecia, all'Egitto fino all'Estremo Oriente, Titan Quest è pian piano diventato una pietra miliare.

Nonostante la mancanza di una vera innovazione delle meccaniche, dove si "macinano" nemici su nemici per completare le missioni, ottenere equipaggiamento sempre migliore e avanzare nell'avventura, il gioco ha racimolato nel tempo una schiera non indifferente di appassionati.

38188321185 23a42656a9 b

Non è un mistero che THQ Nordic, dopo aver acquistato la fallita e autentica THQ, abbia riesumato Titan Quest dal passato per cercare di bissarne il successo, in parte riuscendoci. L'Anniversary Edition, gratuita per i tutti i possesori del titolo originale, ha infatti permesso il ritorno in grande stile su PC seguito perfino dalla nuova e recente espansione Ragnarök, che va ad esplorare la mitologia norrena.

A distanza di qualche anno anni, ecco quindi arrivare il porting per console – PS4, Xbox One e in futuro anche Nintendo Switch – che tuttavia rovina l'esperienza ormai rodata.

Abbiamo giocato Titan Quest su PlayStation 4 e siamo rimasti sorpresi in negativo dalla qualità di questa versione. L'interfaccia ha subito una rinfrescata ed è stata modernizzata per adattarsi ai controller. In questo frangente il lavoro svolto è apprezzabile: si attacca con quadrato e triangolo, mentre i tasti direzionali consentono di usare quattro differenti abilità, per un totale di otto se si tiene premuto R2 e infine con la levetta sinistra si muove il personaggio e con la destra si aumenta o diminuisce l'altezza della telecamera – la visuale di Titan Quest non può essere ruotata.

38188318885 81d67d3690 b

Peccato già a partire dai movimenti del nostro alter ego si nota una generale mancanza di cura e adattamento più profondo alla diversa tipologia di comandi. Se infatti spostiamo lo stick in una qualsiasi direzione, ovviamente il protagonista si dirige dove vogliamo, però anche se sfioriamo l'analogico per fare un solo passo in avanti il nostro eroe percorre sempre un paio di metri.

Sembra un dettaglio di poco conto, ma è davvero fastidioso soprattutto quando dovete raccogliere il bottino lasciato dai nemici o da un forziere. Fuori dal combattimento non è possibile, ad esempio, usare le frecce direzionali per selezionare con un cursore l'oggetto che vogliamo raccogliere e dobbiamo quindi spostarci. A causa del problema appena citato, diventa tedioso riuscire a evidenziare quello che vogliamo, costringendoci, per far prima, a prendere tutto e poi buttare via quello che non ci serve.

38359544434 44277b6cf5 b

Peccato che la versione console non consenta di gestire le caselle dell'inventario liberamente, ma bisogna affidarsi all'ordinamento automatico per raggruppare efficacemente i nostri beni, che però non sempre riesce a organizzare il tutto in modo intelligente.

Ed ecco quindi che la frustrazione inizia a salire, aumentando sempre di più quando affrontiamo i nemici. Non avendo mouse e tastiera a disposizione basta tenere premuto il tasto per attaccare e per buttarci nella mischia colpendo automaticamente un avversario alla volta. Peccato che ciò avvenga in modo del tutto casuale, a volte facendoci perfino passare in mezzo ad altri nemici per raggiungerne uno lontano. Non esiste un'opzione che ci consenta di modificare il comportamento in attacco, magari facendoci scegliere di colpire prima i nemici più vicini, quelli più forti oppure che usano attacchi a distanza. 

Ciò avrebbe sicuramente richiesto del lavoro in più per questo porting, ma il gioco sarebbe risultato più "snello" da giocare con il pad. È comunque possibile ruotare il personaggio in combattimento per farlo "puntare" verso un nemico differente, ma è un metodo macchinoso che fa perdere tempo prezioso durante il quale subiamo troppi danni.

25203195878 20e13dc463 b

Perfino l'IA continua ad avere gli stessi problemi di sempre con un algoritmo di pathfing che a volte fa incastrare i nemici in qualche ostacolo o, ancora peggio, non ci rileva nonostante la stiamo colpendo con un attacco dalla distanza.

Infine, a mettere il dito nella piaga ci pensa il mediocre comprato tecnico. Per l'occasione abbiamo installato l'Anniversary Edition e il confronto è impietoso. Non siamo sicuri che la versione PS4 sfrutti a dovere l'hardware a disposizione: texture e modelli tridimensionali gridano 2006 da ogni immagine e spigolo. Si sarebbe anche potuto chiudere un occhio in virtù dell'età di Titan Quest, se non fosse per una generale e leggera mancanza di fluidità nei fotogrammi che in particolari situazioni si traduce in vistosi e inspiegabili scatti.

Conclusioni

Titan Quest per console è un brutto porting che distrugge l'immagine del titolo agli occhi di chi lo gioca per la prima volta. La versione che abbiamo giocato è nettamente inferiore all'apprezzata rimasterizzazione su PC, ancor più se si considera il folle costo di 30 euro circa a cui è venduta.

Prezzo che sarebbe stato quantomeno accettabile se si potesse accedere anche all'ultima espansione, che invece latita. Fate un favore a voi stessi e lasciate perdere questo scarso porting. Se proprio volete provare Titan Quest, giocate l'Anniversary Edition su PC: è più economica e rende giustizia al gioco.


Tom's Consiglia

Titan Quest è un action RPG che merita di essere giocato, però meglio farlo su PC con l'Anniversary Edition.