Tom's Hardware Italia
Giochi PC

Recensione Tooth and Tail, redistribuiamo il capitale topale

Tooth and Tail è un RTS che tenta di innovare il genere grazie a un gameplay immediato. Riuscirà questo strategico a tema topi a far breccia nei nostri cuori?

Tooth and Tail

 

Tooth and Tail è un RTS dalle meccaniche immediate, rapido e con una grafica particolare. Distribuito e sviluppato da Pocketwatch Games crea una rappresentazione parodistica dell'Unione Sovietica della Prima Guerra Mondiale.

Tooth and Tail

Tooth and Tail è un RTS creato e distribuito da Pocketwatch Games. Ambientato in una parodia dell'Unione Sovietica, vi metterà al comando di quattro diverse fazioni di topi, impegnate in una violenta lotta per la sopravvivenza: scopriamo assieme pregi e difetti di questo strategico a dir poco particolare.

Dalla Russia con amore

tooth and tail 6

Tooth and Tail approccia il mondo degli RTS in maniera non tradizionale con meccaniche di gioco studiate appositamente per essere intuitive, di facile accesso e capaci di dare vita a match rapidi e adrenalinici. Scordatevi il micro-management tipico di titoli come StarCraft, in Tooth and Tail il gioco è molto più fruibile, ma non per questo poco profondo.

Al nostro controllo è affidato solamente il comandante dell'armata, che potremo muovere sulla mappa con i classici comandi WASD, questa è una prima delle tante fondamentali differenze di Tooth and Tail rispetto agli altri RTS: il mouse si usa poco nulla, con un click possiamo radunare le nostre truppe (o delle unità specifiche) e tenendo premuto il tasto le faremo concentrare su un singolo bersaglio. Il comandate può spostarsi da un mulino (la nostra base principale) all'altro tenendo premuto il tasto R: i comandi sono praticamente tutti qui.

Tramite le nostre fattorie sparse per le mappe potremo accumulare risorse, a patto di costruire i campi. Con le risorse è possibile costruire le classiche caserme per reclutare le unità, a noi starà però solo sceglierne il tipo, dato che i nostri alleati saranno generati automaticamente.

Sarà possibile scegliere tra svariati tipi di unità, che ci seguiranno in battaglia o che potranno essere posizionate a difendere punti chiave della mappa. La gestione delle unità è sia uno dei punti forti che deboli di Tooth and Tail: guidare il proprio esercito è molto semplice, ma distribuirlo in zone chiave o posizionarlo in maniera efficace implica il muovere necessariamente il comandante, questo il più delle volte porta il giocatore a lasciar perdere, sfruttando tutto il suo esercito nello stesso momento per distruggere il nemico. Sono disponibili una ventina di unità diverse, ma in battaglia potremo selezionarne solamente sei.

Questione di stile

tooth and tail 5

Uno degli elementi più particolari e interessanti di Tooth and Tail è sicuramente il comparto grafico: lo stile retrò è davvero realizzato bene, con ambientazioni che catturano subito l'occhio, animazioni curate e davvero tanta attenzione al dettaglio. A livello estetico questo gioco è incredibilmente piacevole, anche se i fan degli RTS tradizionali potrebbero lamentare una certa difficoltà nel distinguere bene ogni elemento di gioco durante le fasi più concitate dei combattimenti.

La pomposa colonna sonora aiuta ad immergersi in questa ambientazione quanto mai particolare, dove quattro fazioni di topi combattono per sopravvivere alla fame in una versione parodistica dell'Unione Sovietica. I comandi funzionano bene, le mappe – generate proceduralmente – sono varie e permettono una buona rigiocabilità della campagna, che tuttavia non brilla particolarmente.

Le missioni sfruttano il gameplay del gioco per proporci sempre qualcosa di diverso, anche tramite obiettivi secondari, tuttavia il divertimento vero arriva sicuramente nel multiplayer, mentre la storia può essere sfruttata e interpretata come un lungo tutorial.

Mettiamo assieme un'ottima grafica e un gameplay rapido ed immediato, e otteniamo un RTS che spicca tra i molti, e che riesce a catturare grazie all'esclusione degli elementi tipici del genere: niente potenziamenti delle unità, nessun modo di esplorare la mappa se non muovendo il comandante, pochi rapidi comandi che consentono di muovere il proprio esercito in maniera semplice, e che incredibilmente rendono Tooth and Tail uno dei pochi strategici che non solo può essere giocato con un controller, ma che probabilmente è anche meglio pad alla mano.

Il verdetto

tooth and tail 1

Tooth and Tail è un titolo che permette anche a chi non ha le mani "a piovra" stile campione coreano di StarCraft di giocare decentemente e divertirsi. Il titolo, pur essendo estermamente ridotto nelle meccaniche, non è comunque mai scontato o banale, con una curva d'apprendimento ideale anche per i novizi. Il classico videogioco "easy to learn, hard to master" per intenderci.

Un'esperienza RTS scarnificata delle meccaniche di micro-management tipiche del genere, riesce a regalare match intensi e rapidi, anche se un po' confusionari. Un titolo che nonostante qualche difetto intrinseco nel gameplay (innovare non è assolutamente facile del resto!) riesce a regalare soddisfazione e divertimento, soprattutto se acquistato con l'intenzione di giocarlo principalmente in multiplayer.

Tra i difetti segnaliamo un po' troppa confusione e difficoltà nel gestire le proprie unità nelle fasi più concitate, e il bilanciamento delle mappe procedurali non sempre ottimale, oltre che una campagna non particolarmente brillante.

Tra i maggiori pregi troviamo un sistema di gioco immediato, perfetto per chi vuole giocare online (con match classificati e non) sia per chi vuole divertirsi in locale in split-screen con un amico, aggiunta retrò decisamente gradita. Una colonna sonora piacevole e una grafica particolare – soprattutto per il genere – rendono Tooth and Tail una piccola perla, che nonostante qualche difetto piacerà sicuramente agli appassionati di RTS.


Tom's Consiglia

Preferite un RTS più classico? Trovate StarCraft 2 con tutte le sue espansioni in offerta su Amazon.