Altre Console

Steam Deck: alcuni giochi non saranno giocabili, ecco quali

Vi avevamo già parlato in questo articolo dell’impossibilità di alcuni giochi presenti sulla piattaforma di Valve di funzionare su Steam Deck, la nuova console ibrida annunciata qualche giorno fa. Il sistema operativo SteamOS con cui il dispositivo funzionerebbe una volta acquistato, non rende compatibili alcuni giochi presenti nella libreria di Steam, o menomerebbe pesantemente l’esperienza multiplayer di alcuni titoli.

Su internet si parlava già nei giorni scorsi dell’impossibilità di far funzionare giochi come Apex Legends, PUBG e Destiny 2, titoli che a causa dei loro sistemi anti-cheat non sono compatibili con le architetture Linux, su cui SteamOS è basato. In altre parole il non funzionamento di questi videogiochi su Steam Deck deriverebbe non da problemi di performance, ma da problematiche di natura tecnica legate alla compatibilità tra sistema operativo e software. La cosa è abbastanza singolare dato che alcuni di questi fanno numeri esorbitanti di giocatori e acquisti in-app sulla piattaforma digitale di Valve.

Di seguito vi presentiamo una lista di alcuni dei titoli presenti nella libreria di Steam che non possono funzionare su Steam Deck:

  • Apex Legends
  • Black Desert Online
  • DayZ
  • Dead By Daylight
  • Destiny 2
  • Fall Guys
  • Hunt Showdown
  • Paladins
  • PUBG
  • Rainbow Six Siege
  • Smite

Quando meditate l’acquisto di Steam Deck, dunque, pensate bene ai titoli che vorreste giocare, dato che alcuni di questi non potrebbero essere compatibili. Sebbene si tratti a tutti gli effetti di un PC da gaming adattato a console portatile di Steam, va da sé che alcuni giochi famosi non potreste giocarli perché assenti dallo store: Minecraft, World of Warctaft, Genshin Impact, Escape From Tarkov per citarne alcuni.

Valve ha fatto comunque sapere che Steam Deck sarà a completa disposizione dell’utente: nulla vi vieta di formattare tutto e installare una versione di Windows, o di integrare altri store come quelli di Epic Games, Battle.net o applicazioni singole. Anzi, è proprio il sito ufficiale di Valve a incentivare il modding della console e ad auspicare che aziende terze producano le proprie versioni alternative.