Altre Console

Street Fighter 4 poteva diventare un gioco con combattimenti a turni

Quella di Street Fighter è sicuramente una delle serie di picchiaduro più riconoscibili e longeve della storia videoludica. Dopo gli insuccessi di Street Fighter 3: 3rd Strike e Capcom Vs. SNK la stessa Capcom si riteneva molto insoddisfatta ma soprattutto contraria in quel momento allo sviluppo di uno Street Fighter 4.

In una recente intervista all’EGX 2019, il producer della serie Yoshinori Ono ha dichiarato che a un certo punto, aveva considerato di trasformare Street Fighter 4 in un gioco di combattimento a turni. “Avevo un’idea che pensavo fosse rivoluzionaria, volevamo trasformare Street Fighter 4 in una simulazione a turni. Il giocatore avrebbe scelto le mosse da far fare al proprio personaggio piazzandole in una sorta di blocchi, e il gioco poi le avrebbe svolte automaticamente. Ovviamente non l’abbiamo fatto alla fine.”

Anche se l’idea di Ono sembrava essere per lo meno curiosa, alla fine è stato un bene che nulla di ciò si sia concretizzato. È facile identificare Street Fighter 4 come un più che ottimo videogioco, ma soprattutto come il responsabile della moderna ondata di popolarità dei picchiaduro. Il la voro svolto da Ono e il team di Street Fighter 4 è stato un punto di svolta che ha riportato in vita l’intera serie.

Attualmente con Street Fighter V la serie sembra aver perso quello smalto riottenuto con il quarto capitolo numerato, a tal proposito Ono ha dichiarato di essere ancora al lavoro sulla serie picchiaduro Capcom e che avrebbe intenzione di lavorarci ancora per molto tempo. Come avreste visto l’aggiunta dei combattimenti a turni all’interno di uno Street Fighter? Diteci la vostra.

 Street Fighter V Arcade Edition è l’ultima versione del picchiaduro targata Capcom. Puoi acquistare il titolo su Amazon a questo indirizzo.