PlayStation

Street Fighter V: Capcom risponde alle critiche sulle pubblicità in-game

Capcom è stata criticata per aver aggiunto delle pubblicità all’interno di Street Fighter V: Arcade Edition, ma non sembra avere alcun piano per rimuoverle. La società ha infatti affermato che il “Contenuto sponsorizzato” dell’opera, aggiunto con l’update della scorsa settimana, serve unicamente per “ricordare ai giocatori i costumi, i bundle e il Capcom Pro Tour”.

Gli add sono stati aggiunti nelle arene, sopra i modelli dei personaggi e durante i caricamenti delle schermate. I giocatori sono preoccupati che questi spazi vengano ben presto offerti a brand esterni. Inoltre, alcuni si lamentano del fatto che Capcom stia inserendo pubblicità in un gioco a pagamento, quando normalmente questo dovrebbe accadere solamente in giochi free-to-play.

In verità, EA aveva dato il via a questa situazione, con pubblicità all’interno di FIFA (precisamente sui muri degli stadi) e sui cartelloni di Burnout Paradise: già solo con questo esempio possiamo capire da quanto tempo stia accadendo.

Certo, Capcom ci lascia la possibilità di disattivare le pubblicità, tramite il menù delle opzioni, ma alcuni giocatori, più agguerriti di altri, affermano che questa non dovrebbe essere presente, senza se e senza ma. Lasciarle attive, però, ci permette di guadagnare Fight Money extra. Come spesso accade, le critiche sono diventate così tante da spingere Capcom a rilasciare un commento in merito:

Vogliamo assicurare che teniamo conto dei feedback e ringraziamo la comunità per aver espresso la propria opinione riguardo al nuovo contenuto sponsorizzato aggiunto in Street Fighter V: Arcade Edition. Continueremo a raccogliere il feedback di tutto per capire come possiamo migliorare questa feature per i giocatori.

Voi vi trovate d’accordo oppure pensate che sarebbe meglio non permettere a dei contenuti sponsorizzati di essere parte di un gioco?

Street Fighter V: Arcade Edition sta facendo parlare di sé: pubblicità o meno, rimane un ottimo picchiaduro!