PlayStation

The Last of Us 2: ecco perché non sarà rilasciata solo la copia digitale, le parole del direttore creativo

La settimana scorsa la spiacevole notizia del rinvio a data da destinarsi del lancio di The Last of Us 2 ha lasciato di stucco tutti i fan del primo capitolo della serie. Nonostante lo sviluppo del titolo sia ormai giunto alle sue fasi finali, l’attuale pandemia di COVID-19 sta causando problemi di logistica che ne impediranno l’uscita. I fan allora si sono giustamente chiesti perché Naughty Dog non rilasci la versione digitale del gioco. Ecco che in una recente intervista sul podcast Official PlayStation Blogcast  al direttore creativo del gioco, Neil Druckmann, viene fatta chiarezza sulle motivazioni dietro questa mossa.

La situazione è un po’ dura,” con queste parole Neil Druckmann esordisce. “Lavori su qualcosa per così tanto tempo, alcuni di noi da anni. Si crea poi una sorta di aspettativa nel processo. Ad esempio, non riesci più ad aspettare che questo gioco su cui hai lavorato e che hai affinato, e a volte addirittura sognato, non riesci ad aspettare di metterlo tra le mani della gente per osservare le loro reazioni. Vedere cosa piace o non piace, o dove li porti la storia. E ora devi mettere tutto ciò in attesa perché il mondo cospira contro di noi!”

The Last of Us 2 The Last of Us Part 2 The Last of Us Part II

“Sappiamo di avere un grande gioco e che sia solo questione di un altro po’ di tempo prima di farlo arrivare ai fan. So che loro sono rimasti delusi della cosa, e credetemi quando vi dico questo: lo siamo rimasti altrettanto noi, se non di più, per non essere riusciti a far uscire il gioco in tempo.”

Alla domanda sul perché non venga lanciata la versione digitale alla data di uscita promessa al posto delle copie fisiche, il direttore creativo di The Last of Us 2 risponde:

“Be’, non c’è ancora stata una decisione definitiva, in questo momento stiamo solo reagendo. Sai, si tratterebbe di un altro tipo di vendita, a prescindere dal fatto che potessimo garantire o meno le copie fisiche alle persone. Qual è l’infrastruttura internet che la supporterebbe in tutti i paesi? Questo è un gioco mondiale che le persone da tutto il globo attendono, e noi vogliamo assicurarci di essere corretti con tutti.

Se lo portassimo a una sola piccola frazione di persone, cosa ne sarà di tutti coloro che non riusciranno a procurarselo? In questo momento stiamo valutando ogni possibilità: qual è il modo migliore per farlo arrivare a tutti i nostri fan il prima possibile? Ma ci vorrà del tempo per capire come stanno le cose e come si evolverò la situazione mondiale. Sai, le cose stanno cambiando di giorno in giorno.”

Voi cosa ne pensate della scelta di PlayStation e Naughty Dog? Avrebbero dovuto comunque rilasciare la versione digitale? Fatecelo sapere nei commenti.

Se non vedete l’ora di mettere le mani su The Last of Us 2, potete comunque preordinarlo qui.