PlayStation 4

The Last of Us 2: Rami Ismail ringrazia i giocatori per aver preso bene il rinvio del gioco

Sono bastate poche ora a far diventare realtà il rumor del rinvio di The Last of Us 2. Il titolo Naughty Dog è ora atteso per il 29 maggio 2020, ad annunciarne lo slittamento è stato lo stesso Neil Druckman, direttore creativo del gioco. Nonostante qualche fan abbia comunque avuto da ridire, in molti sotto il post dello sviluppatore hanno inviato messaggi di supporto, invitando lo studio di sviluppo a prendersi tutto il tempo che serve per rifinire il meglio possibile il loro gioco.

Lo sviluppatore indipendente Rami Ismail si è accorto di questa reazione pacifica da parte della maggior parte del pubblico, e ha deciso di pubblicare un post sul proprio profilo Twitter dove ha ringraziato i giocatori per il loro atteggiamento. Negli scorsi anni i rinvii venivano accolti in modo abbastanza feroce, ad oggi però sembra che l’atteggiamento stia cambiando, omplice forse anche la consapevolezza dell’esistenza dei problemi di crunch che spesso affliggono chi realizza i videogiochi.

Nel suo tweet Ismael dice: “è fantastico che nel 2019 siamo riusciti a vedere l’annuncio del rinvio di The Last of Us Parte 2 e che la risposta del pubblico sia stata ‘ok, bene’. Le persone forse non si rendono conto di quanto questo potrà migliorare le vite degli sviluppatori nei prossimi anni, via via che questo sentimento di comprensione si diffonderà nell’industria. È una cosa importante. Grazie.”

Grazie a questo tipo di approccio molto comprensivo da parte dei videogiocatori il team Naughty Dog riuscirà sicuramente a lavorare più serenamente al gioco sfruttando tutto il tempo extra. Cosa pensate delle parole di Rami Ismail? Diteci la vostra.

The Last of Us 2 è stato slittato al 29 maggio 2020, non fatevi trovare impreparati, potete prenotare il gioco su Amazon a questo indirizzo.