PlayStation

The Walking Dead Survival Istinct, incompiuto quasi d’autore

Pagina 1: The Walking Dead Survival Istinct, incompiuto quasi d’autore

Introduzione

I morti che camminano, fin dai tempi del film capolavoro "L'alba dei morti viventi" di Romero, funestano l'immaginario delle ultime generazioni e hanno più fan di quanti si possa pensare. La serie TV The Walking Dead spopola proprio perché unisce gli amati non morti a una narrazione avvincente, che lascia con il fiato sospeso a ogni finale di puntata.

In termini di storia il videogioco di Activision, sviluppato da Terminal Velocity, è un prequel alla prima stagione. Pad alla mano, ci caliamo nei panni di Daryl Dixon che, manco a dirlo, dovrà tirare suo fratello Merle fuori dai guai. La scelta dei personaggi principali è quantomeno dubbia: due cafoni razzisti, omofobi e violenti, un mix dei peggiori stereotipi del sud degli Stati Uniti.

Il gioco è un survival horror in prima persona, con ampia enfasi sulla furtività. L'azione infatti ricalca benissimo le dinamiche della serie TV. Il protagonista si deve muovere in silenzio e a debita distanza dai non morti. Gli zombie infatti sono tonti ma hanno udito e olfatto finissimi. I livelli alternano labirinti urbani con macchine bruciate ed edifici in rovina a scene all'aperto.

Non c'è una vera libertà di movimento, ma il percorso non è comunque completamente lineare. C'è una missione principale da seguire, con la direzione dei vari obiettivi sempre indicata da una bussola. E poi ci sono varie missioni secondarie, da trovare e mai supportate da aiuto in gioco; infine ogni livello ha uno o due oggetti segreti da trovare per sbloccare nuovi premi – achievement.