Giochi PC

Total War: Rome 2, i problemi del debutto sono inaccettabili

I problemi legati al debutto di Total War: Rome II sono totalmente inaccettabili. Questo è il parere di Mike Simpson, direttore creativo del gioco, che in un post sul forum ufficiale si è scusato con gli appassionati e ha svelato i piani della software house per le prossime settimane.

Vi ricordiamo infatti che numerosi giocatori hanno segnlato diversi problemi con il titolo strategico di Creative Assembly, come abbiamo riportato nella nostra notizia precedente. Problemi nel framerate, una bassa ottimizzazione grafica, texture in bassa risoluzione, crash e bug vari stanno compromettendo l'esperienza di gioco di molti appassionati, ma a quanto pare il team di sviluppo è già al lavoro per rimediare.

"Total War: Rome II è un gioco grande e complesso e, in particolar modo su PC, siamo sempre consapevoli della grossa varietà di combinazioni hardware. Facciamo test approfonditi prima del debutto ma è chiaro che abbiamo deluso alcuni di voi e per questo motivo cambieremo il modo in cui pubblicheremo i giochi in futuro", scrive Simpson sul forum ufficiale.

"Ancora una volta, so che questa è una magra consolazione per tutti quelli che hanno un computer che non fa funzionare bene il gioco, ma abbiamo intenzione di risolvere i vostri problemi specifici – chiunque voi siate e qualsiasi sia il vostro inconveniente – il più presto possibile", continua il direttore creativo di Total War: Rome II.

Secondo le stime di Simpson circa il 2% di tutti i giocatori stanno segnalando problemi che impediscono il corretto avvio del gioco. Una percentuale che per stessa ammissione dello sviluppatore è eccessiva. In attesa di scoprire se i problemi del debutto di Total War: Rome 2 saranno sistemati, i fan che stanno avendo problemi possono consultare il forum di supporto tecnico, come scrive il direttore creativo.

 

Per quanto riguarda il gameplay e il bilanciamento del gioco invece Simpson svela di avere qualche aggiornamento in cantiere grazie ai preziosi consigli della community. Fortunatamente non si parla di DLC a pagamento.