Altre Console

Twitch: streamer prova a truffare i suoi fan, ma viene scoperta

È incredibile ciò che è disposta a fare la gente pur di ottenere un minimo di visibilità, perfino su Twitch. La streamer (se così possiamo definirla) di nome MsDirtyBird è stata colta in flagrante mentre dichiarava il falso pur di accaparrarsi views e donazioni.

Tale MsDirtyBird, famosa per le sue gesta su Rocket League, adesso è diventata famosa per l’assurda truffa ai danni della sua utenza che avrebbe messo in piedi: la streamer di Twitch ha finto di essere malata di cancro pur di raccogliere seguaci e donazioni. Nel gennaio del 2021 MsDirtyBird aveva riferito che le era stato diagnosticato un cancro al cervello, e da allora la ragazza ha mentito spudoratamente e ripetutamente ai fan appassionati che la seguivano. Il motivo? Monetizzare sulle sue finte condizioni di salute. Come se il cancro, malattia dura e difficile da superare (quando è superabile), fosse un modo come un altro di lucrare sulla propria immagine.

Uno dei content creator più famosi di Rocket League dal nome di SwornRL ha provato a indagare sulla faccenda, ripercorrendo lo storico dei messaggi e dei video su Twitch della streamer, scoprendo parecchie incongruenze nel racconto orchestrato da MsDirtyBird nel corso dei mesi. La questione ha iniziato a puzzare parecchio quando la sorella della streamer, anch’essa su Twitch col nome di Flamango0420, ha riferito le seguenti parole: “Vi volevo parlare delle live di mia sorella. Sostiene di avere il cancro. Ma non ci credo, non ha detto nulla a nessuno di noi e l’unico intervento a cui si è sottoposta di recente è stato solo quello a un piede. Mi sento molto ferita da questi tentativi di mentire al suo pubblico”. Messa alle corde, MsDirtyBird ha ammesso di essersi inventata tutto pubblicando un video di scuse, anch’esso finto: molti interventi della streamer erano interi dialoghi estrapolati dal film Cyberbully.

Va da sé riflettere su quanto alcuni influencer possano manipolare la loro utenza, arrivando perfino a mentire spudoratamente su questioni gravi pur di racimolare visualizzazioni, consensi e like. In tutto questo le stesse piattaforme di streaming come Twitch non riescono ad essere di grande aiuto, dato che per esempio vengono accettati contenuti più spinti come quelli legati ad Amouranth, con polemiche annesse sui suoi guadagni che vi abbiamo raccontato in questo articolo. E nel frattempo, i videogiochi in tutto questo contesto restano sempre nello sfondo.