Xbox One

Xbox Scarlett: ecco l’analisi di Digital Foundry su CPU, GPU, SSD e Tflops

Durante la conferenza dell’E3 2019 di Microsoft, la casa di Redmond ha finalmente svelato i primi dettagli sulla sua nuova console: Xbox Scarlett o, per essere più precisi, Project Scarlett. Come era lecito aspettarsi, non abbiamo potuto vedere effettivamente la console e non abbiamo scoperto un importante informazione: il prezzo (per quanto Phil Spencer ne abbia parlato successivamente). In verità, questi non sono gli unici dettagli mancanti sulla nuova console.

Per quanto si abbia avuto modo di scoprire CPU, GPU, SSD e la potenza della nuova piattaforma (definita con un poco chiaro “quattro volte più potente di Xbox One X”), ancora non sappiamo quali siano le potenzialità di Xbox Scarlett. Sopratutto, non sappiamo in cosa sarà differente da PS5, visto che i primi annunci sulle specifiche coincidono quasi completamente. Ora, Digital Foundry ha realizzato un video nel quale tira le somme su quanto annunciato fino a questo momento.

Per ora i dubbi sono molti e difficilmente riusciremo a risolverli velocemente. AMD ha ufficialmente annunciato di aver collaborato con Microsoft per progettare un SoC ad alte prestazioni personalizzato per Xbox Scarlett così da rendere possibile un’esperienza gaming di alta qualità, con performance, grafica, e immersione audio ai massimi livelli.

Ovviamente questo non ci dice nulla di più su quanto possiamo aspettarci all’interno di Xbox Scarlett. Diteci, voi cosa ne pensate? Credete che Sony e Microsoft avranno pesantemente personalizzato le proprie macchine da gioco e potremo contare su esperienze diverse, oppure saranno esattamente lo stesso device, con solo un nome diverso? Cosa ne pensate dell’analisi di Digital Foundry?

Per ora, possiamo divertirci con PlayStation 4 o Xbox One.