Xbox

Xbox Series X: hacker ruba il codice sorgente da AMD e chiede 100 milioni per il riscatto

Il chip designer di AMD ha rivelato che un hacker è riuscito a violare un computer impadronendosi di dati segreti molto importanti relativi ai prodotti grafici attuali e futuri di AMD. Tra i file presenti anche quelli legati alla GPU di Xbox Series X.

L’azienda produttrice di hardware ha pubblicato un messaggio nella giornata di ieri, affermando di essere stati contattati da qualcuno che gli ha comunicato di essere in possesso di alcuni file di test contenenti il codice sorgente dell’architettura Navi 10 e la futura Navi 21, nonché dell’Arden GPU di cui è dotata la nuova Xbox Series X. 

Xbox Series X

Dietro questo furto pare ci sia un hacker, il quale ha chiesto ad AMD un riscatto pari alla somma di ben 100 milioni di dollari, in caso di rifiuto quest’ultimo si assicurerà di rendere pubblici tutti i dati. Dal canto suo AMD ha evidenziato che i “test file” rubati non sono di vitale importanza, e non andranno a creare problemi di sicurezza o di competitività dell’azienda nel prossimo futuro “crediamo che i file rubati non siano di fondamentale importanza per la competitività e la sicurezza dei nostri attuali e futuri prodotti grafici.” viene riportato all’interno del comunicato stampa dell’azienda.

In ogni caso la compagnia sta lavorando a stretto contatto con le forze dell’ordine e molti altri esperti, che hanno avviato un’indagine interna affinché venga ricostruita l’intera faccenda che ha portato l’hacker ad impadronirsi di dati così sensibili. Inoltre, AMD non è a conoscenza se quest’ultimo sia in possesso di altri dati, magari relativi ad altri prodotti. Molto strano, invece, è che la notizia sia emersa solo ora: l’attacco è infatti avvenuto verso la fine del 2019. Al tempo, parte di quei dati furono condivisi online su GitHub ma la compagnia riuscì a rimuoverli all’istante evitando possibili danni.

In attesa dell’arrivo della nuova Xbox, potete pur sempre recuperare Xbox One S ad un prezzo vantaggiosissimo.