Hot topics:

Chi vuole un televisore di lusso compra un OLED

Quando si entra in un negozio di televisori, si resta sempre a bocca aperta guardando i nuovi schermi OLED, ma come stanno andando? Lo abbiamo chiesto a Paolo Sandri di LG per avere qualche dato di mercato e qualche anticipazione sul futuro.

Chi vuole un televisore di lusso compra un OLED

Il mercato dei televisori in Italia è in costante fermento e questo è un periodo molto interessante dal momento che la tecnologia che lo ha dominato per anni, quella dei televisori LED, deve iniziare a fronteggiare seriamente "la minaccia" dell'OLED.

Tecnicamente, la nuova tecnologia ha dalla sua parte una profondità del nero davvero impressionante che rende più realistiche le scene e il fatto che, essendo relativamente nuova, ha in teoria ancora margini di miglioramento mentre quella LCD è già sulla scena da molti anni e quindi piuttosto matura.

id503774 1
Il nero prodondo è la caratteristica più appariscente dei pannelli OLED.

Per questo abbiamo deciso di fare due chiacchiere con Paolo Sandri, capo della divisione Home Entertainment di LG Italia, su come stiano andando i televisori OLED e cosa dobbiamo aspettarci nel prossimo futuro.

Qual è l'attuale situazione dei televisori OLED? Il pubblico li apprezza?

paolo sandri JPGIn LG abbiamo presentato i primi televisori OLED nel 2013 e in Italia sono stati introdotti solo nel 2014, anno in cui abbiamo venduto circa 2000 TV di questo tipo. Già l'anno successivo, però, il numero di unità è salito a circa 11.000 mentre nel 2016 abbiamo superato le 32.500 unità. Secondo GFK (una società di indagini di mercato specializzata in elettronica di consumo), siamo con un buon margine l'azienda che fattura di più con i televisori di fascia alta, quelli che costano più di 1.750 euro.

Quindi la crescita dell'OLED non è dettata dalla diminuzione dei prezzi?

paolo sandri JPGDirei di no, anzi... il prezzo medio di vendita dei televisori è cresciuto leggermente negli ultimi anni. Questo vuol dire che il consumatore è disposto a spendere un po' di più per prendere un televisore più bello e più grande. L'unico settore in cui il mercato dei televisori sta crescendo, infatti, è quello degli schermi di grandi dimensioni, cinquantacinque pollici e oltre, dove si posizione gran parte della nostra offerta OLED.

Perché c'è stata questa inversione di tendenza, secondo lei? I grandi eventi calcistici o sportivi possono aver portato i consumatori a cambiare i televisori?

paolo sandri JPGNo, secondo me non sono gli europei o i mondiali di calcio a fare la differenza. Ogni due anni, a causa di questi eventi, noi vediamo che il mercato sale di circa 100-150 mila unità. Su un totale annuo di 4 milioni di pezzi, capisce che non è una discriminante importante. Quello che davvero fa la differenza, nella mia opinione, è come sta cambiando il mercato degli smartphone. Per anni, i nuovi telefonini hanno catalizzato l'attenzione e i portafogli degli utenti. Adesso che la corsa alla novità sta rallentando, i consumatori hanno più soldi da indirizzare al televisore, che resta l'elettrodomestico principe in salotto. Chi cercava l'effetto WOW sullo smartphone, adesso è tornato a cercarlo anche sul televisore.

Quindi è la voglia di stupire che porta a comprare i televisori OLED?

paolo sandri JPGDi sicuro i nostri televisori impressionano chi li vede. La profondità delle immagini, il nero perfetto e i colori vibranti lasciano tutti a bocca aperta. Andando oltre, lo stile "unico" continua con il design del pannello. I nuovi modelli hanno uno spesso di poco più di quattro millimetri che spariscono, letteralmente, quando appoggiati a un muro. Salire di diagonale vuol dire sì avere schermi più grandi, ma soprattutto televisori più belli.

C'è ancora chi è preoccupato per alcune debolezze tecniche dell'OLED emerse in passato, soprattutto in termini di durata dei pixel blu. Quanto sono affidabili i nuovi pannelli?

paolo sandri JPGStiamo parlando di OLED di fascia alta, televisori che costano 2.000 euro o più. LG sa benissimo che non può sperare di vendere dei televisori di lusso, dei quali ci preoccupiamo di tenere sempre alto il valore, se poi hanno dei difetti tecnici così evidenti. I nostri pannelli sono garantiti per 100mila ore e non soffrono dell'indebolimento sul blu che ha colpito alcuni nostri concorrenti. Garantito. I colori restano costanti nel tempo.

Quindi cosa dobbiamo aspettarci per il futuro?

paolo sandri JPGIn futuro, secondo me, l'OLED prenderà sempre più piede e andrà a sostituire i televisori LED. La tecnologia LED, secondo me, è sul viale del tramonto. È stata sfruttata al massimo nei suoi molti "anni di servizio" e il futuro è degli OLED che pur avendo già prestazioni migliori, hanno ancora margini di miglioramento.

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Televisori e Proiettori?
Iscriviti alla newsletter!