Hot topics:
3 minuti

WhatsApp, ecco gli OS a cui dirà addio nel 2018

Gli sviluppatori di WhatsApp hanno annunciato tramite il blog ufficiale che dal 2018 la popolare app non supporterà più BlackBerry OS, BlackBerry 10 e Windows Phone 8.0.

WhatsApp, ecco gli OS a cui dirà addio nel 2018

Nuovo switch-off di WhatsApp all'orizzonte. A pochi giorni dalla fine del 2017 infatti gli sviluppatori del popolare servizio di messaggistica di proprietà di Facebook hanno annunciato ai propri utenti tramite il blog ufficiale quali saranno i sistemi operativi sui quali l'app smetterà di funzionare a partire dal primo gennaio 2018. Gli smartphone interessati dunque saranno tutti quelli equipaggiati con BlackBerry OS, BlackBerry 10 e Windows Phone 8.0.

In realtà la decisione era stata annunciata già a fine anno ma poi lo switch off era stato procrastinato per accontentare i fan dotati di smartphone non proprio recenti. Ora però il tempo è finito, chi volesse continuare a utilizzare WhatsApp dunque non avrà altra scelta che acquistare uno smartphone più recente.

facebook whatsapp

"È stata una decisione difficile da prendere, ma quella giusta per fornire alle persone modi migliori per tenersi in contatto con amici, familiari e persone care attraverso WhatsApp", si legge nella nota. A questi si aggiungeranno poi presto anche il Nokia S40, sui cui WhatsApp continuerà a funzionare fino al 31 dicembre 2018 e tutti gli smartphone ancora equipaggiati con Android 2.3.7 o precedente, che non saranno più supportati a partire dal 1 febbraio 2020, mentre già dalla fine dello scorso anno erano stati pensionati tutti gli smartphone con sistema operativo Android 2.3.3 o precedente e Windows Phone 7, oltre agli iPhone con iOS 6 e il Nokia Symbian S60.

whatsapp facebook

Gli sviluppatori comunque avvisano di non fare troppo affidamento su queste date: "dal momento che non svilupperemo più attivamente per queste piattaforme alcune funzionalità potrebbero smettere di funzionare in qualsiasi momento". Dal 2009, anno dell'introduzione di WhatsApp, il mercato è cambiato profondamente e anche l'app si è evoluta introducendo diverse funzioni avanzate e una crittografia end-to-end, per questo, come spiegato dallo stesso post, non è più possibile continuare a supportare OS e smartphone più vecchi: "queste piattaforme non offrono il tipo di prestazioni necessarie ad espandere le funzionalità della nostra applicazione in futuro". Insomma l'evoluzione tecnologica è inarrestabile e non resta che arrendersi all'idea che anche per chattare lo smartphone di qualche anno fa non è più adeguato.


Tom's Consiglia

Se state meditando di sostituire il vecchio smartphone con qualcosa di più recente, una buona soluzione potrebbe essere rappresentata dallo Huawei P8 Lite 2017.

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Smartphone Android?
Iscriviti alla newsletter!