Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
2

Windows 10 Redstone in due ondate: cosa attendersi

Secondo indiscrezioni l'aggiornamento Redstone di Windows 10 arriverà in due ondate, una a giugno e una nella primavera 2017. Diverse le novità in arrivo, con un focus deciso su Continuum.

Windows 10 Redstone in due ondate: cosa attendersi

Lo sviluppo del prossimo grande aggiornamento di Windows 10, nome in codice Redstone, ha preso il via da qualche tempo. Le novità offerte ai Windows Insiders con le varie build non sono ancora molte né significative, e a quanto pare il processo richiederà del tempo.

Stando a indiscrezioni raccolte dal sito Winbeta, il debutto di Redstone arriverà in due ondate, la prima delle quali è prevista per giugno. Questo primo aggiornamento (RS1) "si focalizzerà principalmente sulla convergenza di differenti dispositivi Windows 10 come PC, Xbox e smartphone".

Windows 10 Redstone

Con RS1 Microsoft mostrerà il frutto del suo lavoro sul concetto di Universal App, porterà il Windows Store su Xbox One e introdurrà app figlie del lavoro fatto su Project Centennial (conversione di software Win32 in app universali) e Islandwood (porting agile di app iOS su Windows).

"Ci sarà anche un focus maggiore su giochi tripla A universali tra Xbox e PC. […] In breve il Windows Store in RS1 punta a essere un hub per tutti i contenuti multimediali su piattaforma Windows, accessibili da qualsiasi dispositivo Windows 10", scrive il sito.

Un altro aspetto importante di Redstone sarà Continuum (voci in merito erano già emerse in passato). "SMS e chiamate arriveranno sui desktop tramite Continuum da un dispositivo Windows 10 Mobile, permettendo agli utenti di fare chiamate dai loro smartphone direttamente dal PC come con iPhone e OS X".

L'obiettivo finale di Microsoft sarebbe quello di usare Continuum come un modo per collegare i diversi dispositivi Windows 10, e quindi spingere le vendite tanto di PC quanto di smartphone. La seconda ondata (RS2) di aggiornamenti Redstone, in origine prevista per il tardo 2016, sembra invece sia slittata alla primavera 2017.

Questi update si focalizzeranno su aspetti che non hanno fatto la loro comparsa in RS1, corroborando report passati sui ritardi nello sviluppo. "Ci sarà anche un focus maggiore sulle app first party (quelle di Microsoft, ndr)", aggiunge WinBeta. Ci saranno inoltre update all'interfaccia utente, come ad esempio al Menu Start, all'app Impostazioni (con l'integrazione di sempre maggiori funzioni ora presenti nel Pannello di Controllo) e al Centro Notifiche.

Microsoft Windows 10 Home Microsoft Windows 10 Home
  
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Software?
Iscriviti alla newsletter!